Discarica a Crispi, segnalazione di un cittadino

Redazione
17 febbraio 2011 07:57

980

0

0

discarica_Crispi

 

CAPACCIO. Microdiscariche a due passi dal santuario della Madonna del Granato, nell’area collinare di Capaccio Paestum, in località Crispi (nelle foto). A denunciare l’ennesimo scempio ambientale, perpetuato ai danni del territorio comunale, è Luigi Marino, maresciallo dell’esercito, attualmente in pensione. Marino è originario di Capaccio, ma vive a Sasso Marconi in provincia di Bologna. Periodicamente si reca nel suo paese di origine, uno degli appuntamenti fissi è proprio la visita al santuario della Madonna del Granato, situato lungo la Provinciale per Capaccio capoluogo, sull’area collinare del monte Calpazio. "Ormai è da oltre un anno – afferma Marino – che ogni volta che scendo a Capaccio non posso fare a meno di notare uno spettacolo indecoroso con la presenza di rifiuti di ogni genere:  pneumatici, ingombranti, bottiglie in vetro e in plastica, sanitari. Il tutto a poca distanza dal maestoso santuario dedicato alla Madonna del Granato". Marino scende nel dettaglio e aggiunge: "In località Crispi, a circa duecento metri, dopo l’abbeveratoio, sul lato destro della strada vi è un largo spazio, dove è possibile sostare. Di fronte, al di sotto della strada, si è formata una mega discarica che fa bella mostra di sé ormai da oltre un anno. Non è l’unico sito. Infatti, lungo il tragitto, che conduce al santuario della Madonna del Granato, si possono notare altre microdiscariche di materiali vari". Marino ha segnalato la problematica a diversi enti, tra cui il Comune di Capaccio e il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Si tratta di un’area naturalistica sottoposta al vincolo paesaggistico, la cui presenza di sversamenti abusivi di rifiuti, compromette anche l’immagine dello stesso santuario, meta di migliaia di fedeli e turisti. Marino lancia un appello agli enti competenti "affinché, in tempi brevi, siano presi i necessari provvedimenti e le aree trasformate in discarica, siano bonificate con la rimozione dei rifiuti". Purtroppo Capaccio Paestum è uno dei comuni dove il fenomeno dell’inquinamento ambientale è molto avvertito. Tanto che l’amministrazione comunale, capeggiata dal sindaco Pasquale Marino, per contrastare lo sversamento abusivo di rifiuti, ha collocato numerose telecamere, collegate con la centrale operativa del comando locale di polizia municipale. Almeno un centinaio i verbali notificati dal caschi bianchi, diretti dal capitano Antonio Rinaldi, solo in questi ultimi mesi, nel corso di specifici controlli e appostamenti nelle aree più a rischio. Multe salate per gli inquinatori, sia del posto che dei paesi limitrofi,  che arrivano anche fino a 500 euro. In molte occasione infatti la polizia municipale ha sorpreso delle persone non residenti che sversavano sul territorio comunale di Capaccio Paestum.

 

discarica_Crispi2  discarica_Crispi3

 

discarica_Crispi4  discarica_Crispi5

commenti