Erosione costiera, Provincia chiede 80 mln a Ue

Redazione
25 febbraio 2011 15:12

917

spiaggia

 

Erosione costiera e ripascimento del litorale: la Provincia di Salerno chiede 80 milioni di euro all’Unione Europea per provvedere alla salvaguardia del litorale salernitano. A darne notizia l’assessore alla Protezione Civile, Antonio Fasolino, che ha spiegato come si tratti di un passo necessario dal momento che il mare sta praticamente consumando la costa in maniera sempre più netta ed incisiva. anno dopo anno. Il progetto, attualmente in itinere, prevede tutta una serie di interventi misti da attuare nel tratto di costa compreso tra i comuni di Salerno e Agropoli: da realizzare diverse azioni mirate che si avvarranno dell’installazione di pennelli (scogliere in roccia trasversali alla costa), barriere soffolte (cioè a breve distanza, 150-200 metri dal litorale) e barriere ortogonali a protezione del litorale. Quanto ai tempi di attuazione si è ancora incerti. “Abbiamo fatto un primo passo. Al momento siamo in fase istruttoria della pratica, l’iter è ancora lungo e per i tempi si dovrà attendere”. A scandire le varie scadenze, dunque, sarà l’Unione Europea. L'obiettivo finale resta quello di contrastare l'erosione e di difendere dalle mareggiate la linea di costa e gli abitati prossimi al mare. Nel frattempo, a Capaccio già sono state  individuate le aree più a rischio del litorale comunale. A fronte di interventi che saranno, comunque, attuati sull’intera fascia costiera - come anticipato anche dal presidente del Consorzio dei lidi di Paestum, Albertino Barlotti -  la zona dove si dovrà provvedere all’installazione di barriere sarà soprattutto la costa compresa tra Foce Sele e Laura, considerata area più a rischio anche per gli effetti delle mareggiate invernali.

commenti
consigliati