OGGI I FUNERALI DI DE NIGRIS

Tragedia di Gromola: Procura apre inchiesta, fatale impianto d’irrigazione attiguo al cantiere

CAPACCIO PAESTUM. La Procura della Repubblica di Salerno ha aperto un’inchiesta per fare luce sul tragico incidente sul lavoro, verificatosi mercoledì pomeriggio, in località Gromola di Capaccio, che ha causato la morte del 28enne ebolitano Walter De Nigris e il ferimento di altre tre persone. Proseguono le indagini dei carabinieri della Compagnia di Agropoli, diretti dal cap. Francesco Manna, che dopo aver effettuato tutti i rilievi del caso, stanno ora verificando il rispetto degli standard di sicurezza all’interno del cantiere della villa privata in costruzione, dove stavano lavorando i tre operai della ditta di Capaccio incaricata di realizzare l’impianto elettrico del fabbricato: a provocare l’arco elettrico tra il lampione ed i cavi dell’alta tensione, però, potrebbe essere stato l’impianto d’irrigazione a pioggia di un campo coltivato attiguo al cantiere, che avrebbe creato un campo magnetico fatale.
Il sindaco di Capaccio Paestum, Italo Voza, ha espresso cordoglio alla famiglia del giovane ebolitano deceduto: “A nome della cittadinanza e dell’intera Amministrazione, invio i sentimenti di più commosso cordoglio ai familiari della giovane vittima. Alle persone ferite e ricoverate in ospedale, e alle loro famiglie, va il più grande in bocca al lupo di una piena e rapida guarigione”.
Sono ore di apprensione, infatti, per le sorti del 46enne capaccese Martino Marino, folgorato anche lui dalla scarica elettrica da 20mila volt, ancora ricoverato in prognosi riservata all’ospedale “Ruggi” di Salerno. Meno gravi, invece, le condizioni degli altri due feriti: il 38enne Felice Andreioli, figlio del titolare della ditta di impianti elettrici, e Vincenzo Alfano, proprietario dell’abitazione in costruzione. Intanto, nel pomeriggio di oggi, saranno celebrati i funerali di Walter De Nigris: la salma del 28enne è stata rilasciata, su disposizione del magistrato, dopo l’esame esterno effettuato dal medico legale.

commenti