SOSPETTA MATRICE DOLOSA DEL ROGO
GUARDA
IL SERVIZIO

Eboli, in fiamme l'auto del sindaco Cariello: era parcheggiata sotto casa, indagano i carabinieri

EBOLI. Questa notte, ad Eboli, in fiamme l’auto del sindaco, Massimo Cariello. L’incendio si è sviluppato intorno alle ore 4:00, sotto l’abitazione del primo cittadino eburino in Via Pio IX, dove la vettura, un'Audi A4, era parcheggiata: il rogo (nelle foto) ha investito e danneggiato anche altre tre auto in sosta nelle vicinanze, lesionando anche l'intonaco di un sovrastante balcone, spicconato dai caschi rossi nel corso delle operazioni di spegnimento e messa in sicurezza dell'area. Sul posto, infatti, sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Eboli, diretti dal caposquadra Luigi Cennamo, che hanno impiegato circa mezzora per domare le fiamme, che hanno completamente distrutto la macchina. Le lingue di fuoco si sono sviluppate dal vano motore e poi nell'abitacolo. Immediato anche l’intervento dei carabinieri della Compagnia ebolitana, diretta dal ten. Luca Geminale, i quali hanno eseguito tutti i rilievi del caso ed ora indagano sull’accaduto: dai primi accertamenti, non sono stati ritrovati sul luogo elementi utili circa l'origine dell'incendio, ma i militari dell'Arma hanno sottoposto a sequestro l'auto del sindaco, e quelle danneggiate, per sottoporle a rilievi tecnici e tamponi delle vernice, indagando per incendio doloso.

Intanto, non mancano gli attestati di solidarietà nei confronti del sindaco Cariello. Così il senatore Franco Cardiello: “Quanto accaduto stanotte non può e non deve alimentare un clima di sospetti e paura in città. Andranno accertate con grande celerità le cause dell’incendio e, se riscontrata la natura dolosa, identificati gli esecutori materiali. I carabinieri della nostra stazione, nonostante siano oberati di lavoro e con un’incessante azione di contrasto alla criminalità in corso, sapranno consegnare alla giustizia i responsabili. Se confermata l’ipotesi dolosa, la mia solidarietà è incondizionata al primo cittadino e, di supporto, invierò apposita interrogazione parlamentare al Ministro dell’Interno per attenzionare ancora di più l’intera Piana del Sele, affinché la lotta alla micro e macro criminalità possa avere un notevole balzo in avanti. La legalità avrà la meglio, ne sono sicuro”.

Nota di condanna dell'episodio anche dai pentastellati locali: “Gli Attivisti del Movimento 5 Stelle Ebolitano esprimono vicinanza e solidarietà al Sindaco di Eboli Massimo Cariello per l’atto intimidatorio subito e nello stesso tempo manifestano partecipazione agli altri cittadini che hanno subito danni da questo evento criminoso. Rifiutiamo la logica della violenza e rimarchiamo con forza il nostro impegno ad un confronto democratico e politico anche di netto dissenso ma sempre nel perimetro democratico. Ai cittadini rimarchiamo l’invito a denunciare tutti gli atti illegali posti in essere da personaggi equivoci affinché ad Eboli non si rivivano gli anni bui del crimine organizzato”.

SERVIZIO NEL TGSTILE - CANALE 619 (13:55, 17:00, 20:30, 23:30, 01:30)

commenti