SCARSA ADESIONE AD INVITO

Battipaglia, consiglio comunale congiunto su rifiuti: rispondono solo Capaccio Paestum e Pontecagnano

BATTIPAGLIA. La scadenza del 10 gennaio, annunciata nella nota stampa emessa dal Comune di Battipaglia, per aderire al consiglio comunale congiunto di martedì 16 gennaio (ore 16.00) nell’aula consiliare battipagliese sulla ‘problematica rifiuti nella Piana del Sele’, e la risposta arrivata soltanto da due amministrazioni, Capaccio Paestum e Pontecagnano. Potrebbe subire uno slittamento l’assise civica convocata dalla sindaca Cecilia Francese che prova, con scarsi risultati finora, a coinvolgere tutte le comunità della Piana sul tema della realizzazione del nuovo impianto di compostaggio presso l’ex Stir della zona industriale, con la protesta e le azioni che vanno avanti, con forza e continuità anche da parte del comitato ‘Battipaglia dice NO’ e che toccano anche le varie emergenze ambientali territoriali, con la bonifica delle discariche e il problema miasmi. Dal punto di vista strettamente istituzionale, però, la battaglia contro la Regione non vede unità, con l’invito spedito lo scorso 29 dicembre ed indirizzato ai sindaci e ai consigli comunali anche di Albanella, Altavilla Silentina, Bellizzi, Campagna, Eboli, Montecorvino Pugliano, Olevano Sul Tusciano e Serre.  Solo due, quindi, i comuni che hanno già fatto giungere a palazzo di città una risposta positiva, con il Comune di Capaccio Paestum che sarà rappresentato dal presidente del consiglio comunale, Nino Pagano. Lo stesso sindaco, Franco Palumbo, ha ribadito più volte l’importanza di affrontare la questione “rifiuti” a livello comprensoriale.  “La problematica dei rifiuti non riguarda una singola realtà territoriale, ma tutta la Piana del Sele. - afferma il sindaco, Franco Palumbo - Abbiamo raccolto l’invito dell’Amministrazione di Battipaglia perché questa è una battaglia di tutti, che va oltre ogni campanile. Sono sicuro che facendo un lavoro di squadra, tra Enti, si riuscirà a individuare una strada comune sulla gestione integrata del ciclo dei rifiuti”. Intanto, il capogruppo di Forza Italia al comune di Eboli, Damiano Cardiello che non risparmia attacchi verso il primo cittadino Massimo Cariello: “Eboli – scrive Cardiello - con la sua maggioranza arrogante e dilettantistica non ha convocato neanche la conferenza dei capigruppo per discuterne ma invieranno qualche "delegato". Ci stanno coprendo di ridicolo dal 2017 e continuano a farlo anche in questo nuovo anno,tra silenzi e tattiche per non inimicarsi De Luca. Noi, ovviamente, non mancheremo. #noallapattumieradelSele”

commenti