ADDIO AL CHIERICHETTO
GUARDA
IL SERVIZIO

Capaccio Paestum, lacrime e dolore ai funerali del 18enne Angelo Cinolo

CAPACCIO PAESTUM. Si sono svolti questa mattina, nella chiesa di San Vito in Piazza Santini, a Capaccio Paestum, i funerali di Angelo Cinolo, il 18enne travolto ed ucciso da un treno in transito in località San Nicola Varco. Una tragedia sui binari che ha sconvolto le comunità di Santa Cecilia, dove il giovane viveva con la famiglia, e Capaccio Scalo, dove spesso si recava per andare a trovare i nonni e per fare il chierichetto proprio nella chiesa dove è stato celebrato il rito funebre. Decine le persone che hanno voluto stringersi attorno ai genitori ed al fratello minore, distrutti per la perdita del caro figliolo. Un dolore immenso che solo le parole del parroco, don Donato Orlando, hanno provato a lenire tra le lacrime e la commozione dei presenti. Il feretro, custodito in una bara bianca (nella foto), è stato accolto, e salutato, con decine di palloncini e dai compagni di classe, affranti, che hanno letto una lettera in ricordo del compianto amico volato in cielo troppo presto.
Angelo è andato incontro ad un destino orribile e straziante, travolto e ucciso da un Intercity sui binari, che ha percorso accidentalmente dopo aver perso l’orientamento. Ma il suo ricordo ed il suo sorriso resteranno nella memoria e nel cuore di tutte le persone che gli volevano bene. Per sempre.

commenti