INTERROGAZIONE AL SINDACO

Agropoli, Caccamo denuncia parentopoli al Comune: "Almeno 30 assunzioni sospette"

Redazione
13 marzo 2018 08:35

1195

0

10

AGROPOLI. Una parentopoli al Comune di Agropoli? A denunciare almeno 30 assunzioni ‘sospette’ è Consolato Natalino Caccamo, consigliere di minoranza del Movimento 5 Stelle, che attraverso due interrogazioni indirizzate direttamente al sindaco, Adamo Coppola, e pubblicate integralmente sui social, chiede chiarezza in merito alle procedure che hanno portato l’ente civico cilentano ad aumentare la pianta organica, in particolare attraverso le partecipate.
“Dai documenti chiesti ed ottenuti dal sottoscritto, infatti, risulta che, nei soli ultimi 5 anni, 29 nuove assunzioni dirette a tempo indeterminato di cui 20 dovute ad atti deliberativi di Giunta comunale per mobilità volontaria e di utilizzo di graduatorie di altri enti - si legge nell’interrogazione dell’esponente grillino – e che, tramite lavoro interinale, la società speciale Agropoli Cilento Servizi da impiego a 34 unità, mentre l’Unione Comuni Alto Cilento dà extra impiego a 5 unità di personale già in carico al Comune di Agropoli, nonché ulteriore personale è impiegato presso la Farmacia Comunale: pertanto, si chiede quali siano state le procedure selettive, concorsuali e di pubblica evidenza per assegnare tali posti; quanti e quali curriculum su richiesta sono stati raccolti; se la Polizia Locale abbia svolto i dovuti controlli durante le procedure di selezione e chi, tra i suddetti impiegati assunti, abbia legame di parentela entro il 4° grado con i consiglieri comunali, assessori e componenti dell’attuale Amministrazione e di quella precedente”.
“Si possono fare mille proclami e milioni di euro di indebitamento su opere pubbliche, ma quando tuo figlio è destinato a trovarsi la strada lontano (…) forse un po’ ti interessi a sapere come vanno le cose realmente – spiega Caccamo su Facebook – ti interesserà sapere credo se e quanti figli, fratelli, nipoti, cugini e amici fidati sono riusciti a ‘piazzare’ nel comune. Mi sono fatto un conto approssimativo e, vi dirò, mi gira ancora la testa. Per questo ho presentato due mie nuove interrogazioni a risposta orale in Consiglio comunale. Ci risponderanno? Vedremo, ascolteremo... e soprattutto capiremo”.

commenti