"PERICOLO DI DECLINO"

Riforma Bcc, AGCI propone moratoria di 2 anni

Comunicato Stampa
09 aprile 2018 18:22

661

0

7

Una moratoria di due anni della Riforma del Credito Cooperativo. È la proposta che è stata avanzata dall’Associazione Generale Cooperative Italiane (AGCI). “Una fase di ulteriore e necessaria riflessione sull’impostazione della riforma del credito cooperativo, tesa a considerare con attenzione e a valorizzare adeguatamente l’importanza del contributo che le BCC hanno assicurato, nella loro storia ultracentenaria, alla crescita delle economie locali e, nell’insieme, dell’economia italiana, supportando cittadini e famiglie ai fini del soddisfacimento dei rispettivi bisogni, spesso primari, ovvero nei loro percorsi lavorativi/imprenditoriali e sostenendo lo sviluppo di un numero assolutamente significativo di aziende e realtà produttive”, si legge in una nota.
Poi il presidente Brenno Begani ha aggiunto: “L’assorbimento totale di tutte le BCC italiane in grandi poli bancari, con spazi limitati di autonomia rispetto alla Capogruppo, reca in sé il tangibile pericolo di declino dell’identità cooperativa e dei principi mutualistici nel settore del credito”.
In Campania, sono in tutto 14 le Bcc coinvolte nel processo di autoriforma.

commenti