TONI ACCESI IN AULA

Battipaglia, Consiglio di fuoco su tema rifiuti: ecoballe restano in ex Stir

Redazione
09 agosto 2018 22:09

532

0

2

BATTIPAGLIA.  Un Consiglio comunale di fuoco, dai toni accesi e duri, sul tema dei rifiuti: l’attualità approda nell’assise civica in una convocazione che prevedeva la discussione sul rimpasto in Giunta e la situazione della società partecipata Alba Srl. Nelle ore della decisione della Provincia di Salerno, con ordinanza del presidente Giuseppe Canfora di individuare (dopo il dietrofront su Sardone di Giffoni Valle Piana) l’ex Stir di Via Bosco II, gestito proprio da palazzo Sant’Agostino,  come sito di stoccaggio provvisorio delle ecoballe in attesa che la linea del termovalorizzatore di Acerra riprenda a funzionare, c’è bisogno, nelle parole della sindaca Cecilia Francese, di fare chiarezza sulla possibilità che  Battipaglia potesse essere individuata quale scelta dalla Regione per la creazione di un sito di trasferenza  in momenti dove va scongiurata l’emergenza sul territorio ed in una fase dove, da mesi, il tmb vive una condizione difficile sul fronte strutturale e di ricezione del pattume. La nota, inviata nel pomeriggio dall’assessore regionale all’Ambiente Fulvio Bonavitacola, esclude categoricamente l’ipotesi che aveva scatenato, sui social, le reazioni di associazioni ed ambientalisti, con il Comitato ‘Battipaglia dice NO’ ad organizzare l’assemblea pubblica di domani, venerdi 10 agosto (ore 19.00) presso la sede nelle ex scuole ‘De Amicis’. Intanto, però, la maggioranza riceve attacchi dall’opposizione,con Gerardo Motta, Renato Vicinanza, Luigi D’Acampora ed Alessio Cairone a mettere in risalto ciò che non va in città, con un punto all’ordine del giorno che va a trattare della tutela della salute pubblica con la discussione che si sposta anche su Alba Srl, reduce dalla nomina del nuovo amministratore delegato Palmerino Belardo.

commenti