IL RICORSO

Capaccio, zero fondi regionali al Lin-Ora Village: deciderà il Tar di Napoli

Alfonso Stile
07 febbraio 2019 17:42

1502

0

42

CAPACCIO PAESTUM. Ricorso del Comune di Capaccio Paestum contro l’esclusione del progetto ‘Lin-Ora Village’ dai finanziamenti regionali: a decidere sarà il Tar di Napoli. Questa la sentenza dei giudici della prima sezione del Tar di Salerno, che hanno disposto la trasmissione degli atti al presidente del Tribunale Amministrativo Regionale del capoluogo partenopeo, per i provvedimenti di competenza.
Il programma degli eventi estivi organizzati presso la struttura amovibile sul mare fortemente voluta dall’Amministrazione guidata dall’ex sindaco Franco Palumbo, infatti, era stato escluso dai fondi destinati da Palazzo Santa Lucia nell’ambito del ‘Programma unitario di eventi per la promozione turistica della Campania di rilevanza nazionale ed internazionale nel periodo giugno 2018 - giugno 2019’: nemmeno un centesimo dei 4,3 milioni di euro di fondi assegnati dalla Giunta De Luca, infatti, fu assegnato al progetto capaccese.
Il Comune retto dall’ex Amministrazione Palumbo, difeso dall’avv. Ubaldo Serra di Agropoli, aveva richiesto 70mila euro, funzionali a coprire parte dei costi che il Comune ha sostenuto per la predisposizione e l’allestimento della nuova area eventi in località Linora: il riferimento è al decreto dirigenziale n. 200 del 2 agosto 2018 della Direzione Generale per le Politiche Culturali ed il Turismo, pubblicato sul BURC n. 54 del 3 agosto 2018, che ha approvato le graduatorie degli ‘Eventi di rilevanza nazionale ed internazionale’, da realizzarsi sul territorio regionale nel periodo ‘Giugno 2018 - Giugno 2019’, a valere sulle risorse del POC 2014/2020, linea strategica 2.4 ‘Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e cultura’.
La Regione Campania si è opposta al ricorso dell’ente civico capaccese, ritenendo valida la graduatoria e tutti gli atti connessi.

commenti