RESPINTO RICORSO DI DUE DITTE

Capaccio, locazione Villaggio Hera Argiva: Tar conferma aggiudicazione

Alfonso Stile
09 febbraio 2019 12:42

2581

1

13

CAPACCIO PAESTUM. Locazione per la valorizzazione del compendio immobiliare denominato ‘Villaggio Hera Argiva’ sito in località Laura di Capaccio Paestum (nella foto): il Tar di Salerno giudica regolare la procedura di assegnazione dell’appalto da parte del Comune, respingendo il ricorso principale e dichiarando inammissibile il ricorso incidentale di risarcimento danni presentati dalle società Bourbeach&Sea e Idrostrade di Roccadaspide che, in ATI, avevano partecipato al bando di gara, aggiudicato invece alla Giglio srl di Capaccio Paestum.
Le due società rocchesi avevano chiesto l’annullamento della determina di aggiudicazione definitiva dell’appalto ed i relativi verbali di gara, atti coi quali il rup, Raffaele Carpinelli, ha affidato l’appalto alla Giglio Srl, che ha conseguito un punteggio di 78/100 a fronte di un’offerta pari ad un canone annuo fisso di 30mila euro da versare all’ente civico per l’intera durata della locazione, cioè 30 anni.
I predetti beni erano stati trasferiti al Comune dall’Agenzia del Demanio con decreto del 6 luglio 2017. La Commissione giudicatrice era composta dal presidente Raffaele Carpinelli (Rup) e dai geometri Mario Barlotti e Fioravante Gallo (componenti esperti), tecnici in servizio presso il Comune.
Bourbeach&Sea e Idrostrade, cui era stato assegnato il punteggio di 68/100, contestavano presunte violazioni della disciplina degli appalti pubblici, con riguardo specifico alle norme poste a tutela della concorrenza e della parità tra operatori economici, nonché che la fattibilità della proposta della controinteressata Giglio srl coinvolgesse anche volumi collocati esternamente all’area oggetto di concessione (che i giudici hanno invece considerato come elemento migliorativo meritorio di maggiore punteggio), formulando per questo domanda risarcitoria.
Contestazioni che i giudici del Tar (Francesco Riccio, presidente; Angela Fontana, primo referendario ed estensore; Valeria Nicoletta Flammini, referendario) hanno respinto in toto.

commenti