SCINTILLE ELETTORALI

Capaccio, Elezioni e post al veleno: Scariati querela la figlia di Marino

Alfonso Stile
12 aprile 2019 18:31

4603

1

42

CAPACCIO PAESTUM. Elezioni Comunali 2019: post al vetriolo su Facebook tra candidati e sostenitori politici a Capaccio Paestum. Culmina con una querela, presentata presso la locale Stazione dei carabinieri, la lite social tra Fabio Scariati e Roberta Marino (nelle foto).
Scariati, noto commercialista e già coordinatore cittadino di Forza Italia, candidato consigliere nella lista Democrazia Capaccese che sostiene il candidato sindaco Franco Alfieri, ha denunciato ai militari dell’Arma di subire presunti, continui messaggi offensivi e diffamatori da parte del profilo di tale ‘Vanessa Parania’, gestito in maniera pubblica da Roberta Marino, figlia dell’ex sindaco di Capaccio Paestum, Pasquale Marino, attuale coordinatore capolista della coalizione che, invece, fa capo al candidato sindaco Vincenzo Sica.
Nella querela, Scariati evidenzia, in particolare, non solo il fatto di aver già bloccato da tempo il profilo della Parania-Marino per essere stato oggetto di post lesivi della sua dignità e reputazione, ma di essere tutt’oggi bersaglio di commenti offensivi, facendone mettere a verbale diversi, tra cui quelli in cui la Marino lo accusa di ‘incoerenza’ per aver sostenuto con Forza Italia prima Sica contro l’ex sindaco Palumbo, iniziando così l’attuale campagna elettorale con lo stesso Sica, per poi candidarsi tra le fila della coalizione di Alfieri, esponente Pd, ‘rinnegando’ il suo passato nel centrodestra e schierandosi al fianco proprio di coloro che aveva criticato, in quanto amministratori, della decaduta Amministrazione Palumbo.
Non solo: Scariati accusa la Marino di aver tirato in ballo anche la moglie, rendendo anche lei oggetto di improperi e ingiurie continue.
La Marino, invece, dal canto proprio si difende così: “Sui social ho appreso che il dott. Scariati mi ha querelato. Strano, eppure ho semplicemente ricostruito il suo operato politico recente, comprovato da numerosi articoli sulla stampa locale. Se ciò che affermo non è vero, allora perché ha cancellato tutti i suoi post che lo confermano? Le mie sono libere opinioni, forse qualcuno le vuole interpretare come offese per cercare di mettermi il bavaglio…”. La Marino fa sapere di aver contattato un legale di fiducia che, a breve, presenterà contro Scariati una denuncia, su querela, per calunnia e lite temeraria.

commenti