CONFERENZA A PONTECAGNANO

Aeroporto, ministro Toninelli e M5S: “Rilancio è merito nostro”

Redazione
09 luglio 2019 17:14

887

PONTECAGNANO. Tra una rivendicazione dei meriti per il piano di rilancio effettivo dell’Aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi, con attacchi al presidente della Regione, Vincenzo De Luca. L’arrivo a Pontecagnano del ministro per le Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, serve al M5S per evidenziare come le firme dei due ministri, Toninelli stesso e Giovanni Tria (Economia), siano serviti nelle ultime settimane a sbloccare l’iter tenuto in stand by per anni dallo stesso De Luca e da altri organi competenti. “Abbiamo sbloccato – spiega Toninelli - la procedura per ampliare l'aeroporto di Salerno - Costa D'Amalfi. Abbiamo fatto quello che la politica non aveva saputo fare per tantissimi anni e adesso, col progetto definitivo vidimato da Enac e approvato dalla direzione competente del Mit, il gestore potrà avviare a breve la gara per rendere questo scalo, in seno al polo unico con Napoli, un volano fondamentale del rilancio turistico e, quindi, economico di una splendida terra.
Mi basta pensare alle costiere amalfitana o cilentana, ma persino alla stupenda Maratea, in Basilicata: anche la Lucania occidentale potrà infatti giovarsi del rilancio dell'aeroporto di Salerno.
Noi ci siamo. E continuiamo ad avviare cantieri utili per il Sud. Per l'Italia”. Non lesinano attacchi al Governatore, i consiglieri regionali Valeria Ciarambino e Michele Cammarano e la senatrice pentastellata Felicia Gaudiano, con Andrea Cioffi, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico che ricorda l’inoperatività di De Luca nel corso degli anni. Sono giorni importanti per l’Aeroporto di Pontecagnano perché dopo il decreto di concessione, con la fusione con la Gesac, che gestisce l'aeroporto di Capodichino a Napoli e con l’approvazione del progetto definitivo dei lavori, venerdì, al Comune di Salerno toccherà allo stesso Vincenzo De Luca presentare il master plan. La conferenza stampa odierna, peraltro, ha vissuto anche delle polemiche legate al presunto mancato invito di Confindustria e Confagricoltura.

commenti
consigliati