A RATE SENZA SANZIONI

Capaccio, definizione agevolata tributi comunali: c'è tempo fino al 31 agosto

Comunicato Stampa
10 luglio 2019 09:55

2742

CAPACCIO PAETUM. L’Amministrazione comunale di Capaccio Paestum, retta dal sindaco Franco Alfieri, nell’esercizio della facoltà concessa dall’art. 15, del decreto legge 30 aprile 2019, n. 34, che estende la 'definizione agevolata' delle ingiunzioni di pagamento alle entrate poste in riscossione coattiva mediante lo strumento dell’ingiunzione di pagamento di cui al R.D. 14 aprile 1910 n. 639, ha approvato con apposito regolamento, la definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento notificate dal 2000 fino alla data del 31/12/ 2017, relativamente alle seguenti entrate comunali:
- TARSU - TARES-TARI (tassa raccolta rifiuti solidi urbani)
- ICI-IMU (imposta comunale sugli immobili – imposta municipale unica)
- ICP (imposta comunale sulla pubblicità)
- TOSAP (tassa occupazioni spazi ed aree pubbliche),
Il regolamento è finalizzato ad offrire ai contribuenti, morosi o evasori dei tributi locali che hanno avuto la notifica delle ingiunzioni di pagamento a decorrere dal 2000 ed entro il 31/12/2017, la possibilità di sanare la posizione debitoria nei confronti dell’Ente, con esclusione delle sanzioni, prima dell’attivazione delle procedure coattive o esecutive, già affidate ad una ditta esterna all’Ente.
La possibilità di adesione alla definizione agevolata non deve comunque essere intesa come rinuncia al principio di salvaguardia dei diritti di quei cittadini che pagano regolarmente imposte, tasse e adempiono ai propri obblighi con tempestività.
Per accedere alla definizione agevolata, i contribuenti dovranno presentare apposita istanza, secondo il disciplinare approvato dal Consiglio Comunale con Deliberazione n° 9 del 26 giugno 2019, a pena decadenza, entro il termine del 31 agosto 2019, mediante consegna diretta al protocollo della SO.G.E.T. spa, nei giorni e nelle ore di apertura al pubblico, mediante PEC alla casella definizioneagevolata.sogetspa@pec.it o mediante e-mail all’indirizzo sanatoria2016@sogetspa.it, avendo cura di allegare copia del documento di identità.
L’istanza dovrà essere compilata, a cura del contribuente, su modelli reperibili presso gli sportelli degli uffici comunali preposti, sul sito del Comune e sul sito della SO.G.E.T. spa.
Il versamento degli importi dovuti potrà essere eseguito mediante bonifico bancario sul conto corrente di Tesoreria utilizzando l’IBAN IT 69 P 07601 15200 000064644289 oppure mediante versamento sul conto corrente postale n. 64644289 intestato a Comune di Capaccio Paestum, servizio tesoreria, riscossione coattiva entrate, via V. Emanuele 84047, con indicazione della causale: (definizione agevolata ingiunzioni e il numero della rata).
È previsto, a richiesta, il pagamento rateale. Nell’istanza il debitore indica il numero di rate con cui intende effettuare il pagamento. Il numero massimo di rate è pari a n. 9 (nove) trimestrali entro i mesi di: settembre 2019, dicembre 2019, marzo 2020, giugno 2020, settembre 2020, dicembre 2020, marzo 2021, giugno 2021 e l’ultima non oltre il termine del 30 settembre 2021.
Il mancato, insufficiente o tardivo versamento dell'unica rata, ovvero di una delle rate in cui è stato dilazionato il pagamento delle somme dovute, comporta la revoca automatica della definizione agevolata. 
Trascorso inutilmente tale termine, si provvederà all’attivazione delle procedure esecutive, come per legge, con applicazione di sanzioni, interessi e maggiorazioni.
I contribuenti possono rivolgersi per ulteriori informazioni:
- agli sportelli della SO.G.E.T. spa, tutti i giorni dalla ore 9.00 alle ore 12.00 e il martedì e giovedì dalle ore 16.00 alle ore 17.30;
- all’ufficio tributi di Capaccio Capoluogo il lunedì,mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12,30;
- all’ufficio tributi di Capaccio scalo il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12,30 e il martedì dalle 15.30 alle 17.30.

commenti
consigliati