TRAGEDIA DI GROMOLA

Capaccio, morte De Nigris-Marino: dopo 3 anni, in carcere il titolare della ditta

Alfonso Stile
06 novembre 2019 12:09

13189

CAPACCIO PAESTUM. Il 28enne Walter De Nigris, elettricista ebolitano residente a Borgo Carillia, ed il 46enne agricoltore capaccese Martino Marino, accorso sul posto solo per dare una mano, morirono folgorati, il 3 agosto del 2016, mentre alzavano un lampione davanti ad una villa in costruzione in Via Gromola Varolato, a Capaccio Paestum (nella foto): entrambi furono investiti ed uccisi da una scarica elettrica di 20mila volts.

Per quella tragedia, è finito in carcere, ieri pomeriggio, il titolare della ditta, il 70enne Donato Andreioli di Capaccio Paestum: ricevuto l’ordine di carcerazione, l’uomo si è costituito spontaneamente presso la casa circondariale di Avellino. Andreioli aveva patteggiato una pena a 3 anni per il reato di omicidio colposo per la mancata redazione di un adeguato piano di sicurezza nel cantiere: rigettata la richiesta di affidamento ai servizi sociali, per un’incongruenza sul luogo da indicare per scontare la condanna ai domiciliari per lui si sono aperte le porte del carcere irpino. 

Il figlio Felice Andreioli, anche lui ferito nell’issare il palo dell’illuminazione, fu assolto in quanto non ritenuto responsabile, di fatto, dei lavori che stava eseguendo la ditta di famiglia. Ancora a processo, invece, è Vincenzo Alfano, il proprietario dell’abitazione che aveva commissionato i lavori: l’accusa è di duplice omicidio colposo aggravato, con il dibattimento in primo grado iniziato a fine 2018 che vede i familiari delle vittime parte civile.

Furono queste le decisioni assunte, nel luglio del 2018, dal gup Donatella Mancini del Tribunale di Salerno: accertato che il lampione urtò un elettrodotto generando la scarica letale, il gup ritenne pacifico il fatto che il cantiere fosse privo dei minimi requisiti di sicurezza per la tutela dei lavoratori. Con il riconoscimento del primo giorno di lavoro della Ditta Andreioli a Walter De Nigris, la sua figlioletta ha ottenuto una pensione mensile fino alla maggiore età da parte dell'Inail, che sarà gestita dalla compagna del compianto elettricista.

commenti
consigliati