TITOLARE DENUNCIATO

Capaccio, acqua giallastra e maleodorante dai rubinetti di casa: guasto nel camping

Alfonso Stile
27 luglio 2020 21:50

7625

CAPACCIO PAESTUM. Sgorga acqua giallastra e puzzolente dai rubinetti di casa, alcuni residenti e turisti preoccupati allertano il Consorzio Bonifica di Paestum: il personale dell’ente avvia immediatamente una ricerca sul posto per risalire alle possibili cause del problema e, dopo aver scoperto un pozzo artesiano irregolare in una struttura ricettiva sul litorale, allerta i carabinieri. Nei guai finisce, così, il proprietario di un camping sulla costa di Capaccio Paestum, tra l'altro chiuso da circa 7 anni: il pozzo artesiano asservito all’attività, infatti, a seguito dell'improvviso malfunzionamento dell’impianto, dovuto probabilmente all'usura ed ereditato anni fa da una precedente gestione, riversava acqua non filtrata direttamente nella condotta idrica potabile della zona, intaccandone la qualità. L’uomo è stato così denunciato in stato di libertà per adulterazione di sostanze alimentari ed il pozzo (nella foto) sottoposto a sequestro penale preventivo dai militari della Stazione di Capaccio Scalo, diretti dal m.llo Giuseppe D’Agostino, giunti sul posto nel tardo pomeriggio di oggi per eseguire i riscontri del caso con il coordinamento della Compagnia di Agropoli, agl’ordini del cap. Fabiola Garello.

Il proprietario ha già chiarito il disguido con le autorità competenti e con le persone che hanno segnalato l'anomalia, scusandosi per non essersi accorto del guasto e spiegando che, lo stesso, non è dipeso dalla sua responsabiità ma dal deterioramento dell'impianto, in disuso dal 2013, e verrà comunque ripristinato ad horas. Il sequestro dovrà essere convalidato dal giudice e, viste le numerose attenuanti, è possibile che venga non considerato necessario proprio per consentire il ripristino del corretto funzionamento. 

commenti
consigliati