VIOLENTA SCARICA ATMOSFERICA

Consorzio, fulmine danneggia due pozzi: lunga notte di lavoro per operai dell'ente

Comunicato Stampa
04 agosto 2020 14:45

1550

CAPACCIO PAESTUM. Alle ore 2.32 di stamane, una scarica atmosferica di notevole intensità ha danneggiato, e messo fuori uso, due cabine elettriche Enel che alimentano, tra l’altro, anche il funzionamento di due importanti pozzi di emungimento di proprietà del Consorzio Bonifica di Paestum, siti in località Castrullo al confine tra i comuni di Campagna e Serre, causando una drastica riduzione dell’erogazione acqua potabile (fino a -40 litri/secondo). La repentina segnalazione di avaria inviata dal sistema di telecontrollo degli impianti al pannello generale centralizzato, ha innescato il tempestivo intervento degli addetti alla manutenzione dell’ente, guidati dal presidente Roberto Ciuccio, il quale ha voluto accertarsi di persona della situazione coordinando i lavori sul posto. Dopo una lunga notte di lavoro, grazie all’abnegazione e professionalità del personale consortile, in stretta sinergia con i tecnici del gestore elettrico, si è riusciti a risolvere i danni arrecati dal fulmine. 

Per quanto concerne il pozzo n. 2, in virtù di recenti lavori di manutenzione straordinaria voluti proprio dal presidente Ciuccio, è stato possibile attivare subito un gruppo di continuità supplementare per ripristinare l’erogazione idrica. Situazione decisamente più critica per il pozzo n. 5, che ha riportato danni gravi strutturali, in particolare alle protezioni per quadri elettrici e pompe di sollevamento (nella foto): qui, le operazioni di riparazione del guasto e per riallacciare l’impianto alla rete energetica hanno richiesto più tempo, ed il pozzo è tornato regolarmente in funzione solo intorno alle ore 12. Anche se per cause non riconducibili a proprie responsabilità, il Consorzio Bonifica di Paestum si scusa con l’utenza per eventuali disservizi registrati nella mattinata odierna, peraltro in un periodo in cui le torride temperature estiva stanno già notevolmente penalizzando la portata della fornitura idrica.

 

commenti
consigliati