INCASTRATO DAGLI INQUIRENTI

Salerno, ruba portafogli nella cittadella giudiziaria: in carcere 42enne

Comunicato Stampa
13 settembre 2021 14:32

1870

SALERNO. Personale della sezione di Polizia Giudiziaria - Aliquota Polizia di Stato di Salerno ha eseguito un’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa dal gip presso il Tribunale di Salerno, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti del 42enne Pietro Immediata, residente a Montecorvino Rovella, con l’accusa di furto aggravato commesso con destrezza e su cose esistenti in uffici pubblici.

Il 18 agosto scorso, all’interno della cittadella giudiziaria di Salerno, precisamente negli uffici del gip siti al 3° piano dell’edificio C, ai dannI di una cancelliera esperta, Immediata sottraeva il portafogli, prelevandolo dalla borsa personale lasciata incustodita dalla predetta sulla scrivania della sua postazione di lavoro, ubicata nella stanza 314. 

Le indagini, coordinate dalla Procura salernitana guidata dal procuratore capo Giuseppe Borrelli, e condotte dalla locale sezione di p.g., sono state avviate nella stessa giornata, subito dopo aver raccolto la denuncia della persona offesa, ed hanno riguardato un’accurata analisi sia del registro di accesso del pubblico all’interno della cittadella giudiziaria, che delle immagini del sistema di videosorveglianza degli uffici giudiziari che di alcuni esercizi commerciali limitrofi alla cittadella. 

Nello specifico, la p.g. operante riusciva ad annotare in maniera analitica che un soggetto, entrato dall’ingresso di via Dalmazia alle ore 10:50, veniva ripreso alle successive ore 11:36 mentre usciva dalla stanza 314 dell’ufficio gip dirigendosi verso le scale con in mano un portafogli da donna, oggetto poi abbandonato in via cacciatore in prossimità della farmacia Del Santo, dopo aver prelevato, come documentato dal sistema di videosorveglianza della farmacia, due banconote rispettivamente da 50 e 20 euro. 

Effettuate le suddette analisi e verifiche, la p.g. operante incrociava i dati acquisiti e lo identificava nella persona dell’arrestato, già gravato da precedenti giudiziari anche specifici, commessi con lo stesso modus operandi, essendo attualmente indagato: per un furto aggravato, commesso in data 14.1.2021, in danno di un’impiegata dell’ospedale Ruggi di Salerno; per un furto aggravato, commesso in data 18.2.2021, sempre all'interno della cittadella giudiziaria, in danno di un magistrato della locale Procura. 

Nel corso dell’esecuzione della misura, la p.g. operante in sede di perquisizione rinveniva e sequestrava abbigliamento identico a quello indossato in data 18.8.2021 all’atto della commissione dei fatti contestati nell'ordinanza eseguita.

commenti
consigliati