Il Torneo giovanile di Agropoli entra nel vivo

Comunicato Stampa
01 aprile 2010 12:13

1433

Stadio_Guariglia

 

Entra  nel vivo la XXIX Edizione del Torneo Internazionale di Calcio Giovanile “Città di Agropoli”, con le oltre 100 formazioni impegnate a raggiungere le finali delle varie categorie in programma, allo stadio “Guariglia” di Agropoli, dalle ore 13:00 di domani. Al termine di ciascuna gara, si procederà alle premiazioni delle squadre e dei migliori giocatori. Ed è già record per quanto concerne il numero di partite, che ammonta a 310 con interessati  i campi di gioco di Agropoli, Eboli, Ariston Paestum, Roccadaspide, Torchiara, Ogliastro, Santa Maria di Castellabate, Perdifumo e Capaccio. Il Torneo,  affiliato a FIFA, UEFA, FIGC e al CSI, il prossimo anno festeggerà il trentennale.  Infatti, il Torneo “Città di Agropoli”, iniziato ufficialmente nel 1987, ha visto un prologo già dal 1982 con gare internazionali cui partecipavano squadre tedesche e francesi che ricambiavano la partecipazione della Jugend Agropoli ai loro tornei. Pertanto, l’organizzazione ha inserito nel computo delle edizioni anche questi tornei e nel 2011 festeggerà 30 anni di Attività Internazionale di Calcio Giovanile. Il torneo ha visto, in questi anni, la partecipazione di tanti ragazzi diventati poi famosi, su tutti spicca il nome di Andriy Shevchenko, e di tante squadre che, nella maggioranza dei casi, hanno desiderato di ritornare sempre, come Brescia, Mikulov, Trento, Ghepard Bologna, Saronno, Viareggio, Paternò, Palestrina, Velletri, Cisterna, Laveno e Borgoratti Genova. Nel corso di questa edizione, tra i calciatori che hanno destato il plauso dei tecnici, il numero 10 della formazione colombiana del Manisales, il cui aspetto fisico e le giocate hanno ricordato, in molti, l’indimenticabile ex capitano del Napoli e della Nazionale argentina, Diego Armando Maradona. Il sentimento dell’amicizia ha caratterizzato la “Festa dell’Accoglienza”, organizzata dall’amministrazione comunale di Agropoli ed a cui hanno partecipato gli oltre tremila tra atleti, tecnici, dirigenti e sportivi che stanno trascorrendo la Settimana Santa in Cilento.

commenti
consigliati