DIMORA IN VIA NETTUNO

Capaccio, non ignorarono ordinanza: assolti coniugi Voza ed ex tecnico

Redazione
20 novembre 2021 14:35

4238

CAPACCIO PAESTUM. Non vi fu alcuna omissione nell’applicazione di un’ordinanza di abbattimento di abusi edilizi, risalente al 2005, nell’abitazione dell’ex sindaco di Capaccio Paestum, Italo Voza, in Via Nettuno. Assolti con formula piena “perché il fatto non sussiste” dai giudici del Tribunale di Salerno, infatti, l’ex primo cittadino pestano, la moglie Giuseppina Pisani e l’ex tecnico comunale Vincenzo Criscuolo. Secondo le ipotesi del pm inquirente, i tre erano accusati, in concorso, di essersi accordati per ignorare l’ordinanza di demolizione nel periodo in cui Voza era alla guida della Città dei Templi: nello specifico, si trattava dell’ampliamento di una piccola parte della cucina dell’immobile che, tra l’altro, i coniugi Voza avevano già provveduto ad eliminare. 

La villa in questione, ubicata nella zona archeologica di Paestum, è sita di fronte al noto complesso Nettuno, sulla cui gestione i coniugi Voza, rappresentati dall’avv. Gaetano Paolino, sono stati più volte assolti dalla Corte dei Conti, che ha accertato l’assoluta regolarità in termini di locazione e gestione dell’immobile storico, adibito a ristorante.

commenti
consigliati