EVASIONE TRIBUTI COMUNALI

Capaccio Paestum, scoperti 500 immobili ‘fantasma’ mai dichiarati

Anna Vairo
07 giugno 2022 10:48

7229

CAPACCIO PAESTUM. Conclusa l’attività di verifica d’ufficio relativa alla ricerca, sul territorio comunale di Capaccio Paestum, di immobili irregolari: gli accertamenti, avviati lo scorso febbraio, sono stati eseguiti nell’ambito delle misure preventive finalizzate a sostenere il contrasto all’evasione e all’elusione dei tributi locali, quali IMU-TARI-DEP. Nel dettaglio, la ricerca sul territorio comunale ha riguardato gli immobili non censiti nel gestionale dell’Ufficio Tributi ed Entrate Patrimoniali, dell’Ufficio Tecnico Erariale e dell’Agenzia delle Entrate di Salerno. Al riguardo, il responsabile apicale dell’Area Tributi - Entrate Patrimoniali, Antonio Rinaldi, con apposita determina dirigenziale ha approvato un elenco descrittivo di 496 particelle catastali del comune di Capaccio Paestum su cui insistono altrettanti immobili mai dichiarati (non accatastati) all’Agenzia delle Entrate di Salerno. Gli ulteriori accertamenti riguarderanno, ora, la destinazione e il numero di unità immobiliari ricavate dai suddetti immobili che, pertanto, sono da considerarsi “fantasma”, il che obbliga l’attivazione della procedura d’ufficio (prevista dall’art. 1 comma 336 della L. 311/2004) nei confronti di tutti gli intestatari al catasto delle particelle di terreni dove insistono le unità immobiliari irregolari (quindi anche ai nudi proprietari) predisponendo, al riguardo, i procedimenti di iscrizioni in catasto comunale con apposita segnalazione all’Agenzia del Territorio. Gli interessati dal provvedimento hanno 90 giorni di tempo per presentare la relativa iscrizione catastale presso il catasto dei fabbricati: se non provvederanno ad espletare gli adempimenti necessari, sarà l’Agenzia delle Entrate - Direzione Catasto a eseguire le relative procedure con oneri a carico dell’interessato.  

Nel frattempo, il servizio IMU, il servizio TARI, e il servizio Fogna e depurazione sono stati incaricati di procedere a quantizzare il carico debitorio evaso per ogni singola posizione e predisporre, per la notifica, gli accertamenti tributari conseguenziali.

 

commenti
consigliati