Paestum: scoperte oltre 3500 case fantasma

Redazione
28 luglio 2010 10:22

1240

paestumdallalto

 

Uno screening aereo e fotografico effettuato dall’Agenzia del Territorio di Roma per scovare eventuali abusi edilizi sul territorio della Provincia di Salerno, ha portato alla scoperta di ben 3.597 fabbricati non registrati al catasto nella solo città di Capaccio Paestum, maglia nera dunque nella singolare classifica stilata dai responsabili dell’Agenzia. Molti di questi edifici sono spuntati dal nulla principalmente a ridosso della fascia costiera, in particolare nelle contrade marittime di Torre di Mare e Licinella, seminascoste dai complessi residenziali realizzati nell’area. Addirittura, diverse strutture irregolari sono comparse a distanza di mille metri dalla cinta muraria di Paestum. Dati che hanno sorpreso il sindaco Pasquale Marino, il quale ha dichiarato agli organi di stampa: “Sono molto sorpreso. Credo non si tratti di palazzi a tre piani ma di abitazioni di necessità, costituite da un piano terra e, al massimo, uno rialzato. In ogni caso, ho dato immediatamente mandato all’Ufficio Tecnico di verificare i dati provenienti da Roma e la reale esistenza di queste presunte ‘case fantasma’, al fine di regolarizzarne tempestivamente la posizione all’ufficio catastale”. Anche la confinante città di Eboli si è scoperta zeppa di case sconosciute al catasto, 3.323 per l’esattezza. “Sicuramente la zona più colpita è la fascia costiera - ammette il sindaco Martino Melchionda  - dove ci sono state centinaia di richieste di condono bloccate dalla Soprintendenza. Stiamo attivando un servizio informatico territoriale che ci permetterà di monitorare l’intero perimetro comunale”.

Dallo screening dell’Agenzia del Territorio di Roma esce malconcia anche il Comune di Centola-Palinuro, dove sono 1.837 le case fantasma. Nella vicina Camerota infine, sono 1.359 i fabbricati mai registrati al catasto.

commenti
consigliati