Salerno, consuntivo Consiglio provinciale del 25/02/2011

Comunicato Stampa
25 febbraio 2011 13:12

858

palazzo_santagostino

 

Il Consiglio provinciale ha deliberato di designare nel Consiglio dei delegati del Consorzio di Bonifica integrale Agro-Sarnese-Nocerino, quali membri di diritto, Sabatino Fralicciardi, Giuseppe Serio e Domenico Sessa, e di autorizzare il mantenimento della partecipazione nelle società partecipate, fatta eccezione per la società “Banca Popolare Etica s.c.p.a” e “Irno Sistemi Innovativi spa”. Il Consiglio ha deliberato la ricostituzione del capitale sociale della Società Sviluppo Costa d’Amalfi spa, nella quale la Provincia possiede il 12,50%, per un importo di 9.334 euro, rendendosi comunque disponibile ad acquisire eventuali quote inoptate fino alla misura massima di euro 40.672,00 euro, mentre per il Patto Territoriale dell’Agro Spa è stata approvata la disponibilità dell’Ente ad aderire al Piano di ricapitalizzazione pubblica della società. In particolare, l’Ente, oltre a rendersi disponibile ad acquisire le quote in proporzione al capitale sociale posseduto che è pari al 9,27%, ovvero ad euro 33.337,50, ha stanziato ulteriori 122.226 euro per eventuali quote inoptate.

Il Consiglio ha, inoltre, riconosciuto debiti fuori bilancio ai sensi dell’art. 194 del D.Lgs 267/2000, in quanto è stato condannato dal Tribunale di Nocera Inferiore al pagamento di una somma complessiva di euro 7.786. La somma si riferisce a diciotto cittadini che richiedevano l’iscrizione negli elenchi provinciali degli invalidi civili. Nel corso della seduta è stata approvata la richiesta di modifica dei parametri di Basilea 3. Si chiede alla Regione Campania di porre all’ordine del giorno del Consiglio o della Giunta regionale le determinazioni assunte dall’assise, ovvero la modifica dei parametri di accesso al credito. In particolare: per le imprese con fatturato sotto i 2 milioni di euro (microimprese) abbassare al 50% la ponderazione delle esposizioni nell’approccio standard; azzerare il fattore di correlazione nell’approccio IRB; inserire nella normativa una prescrizione valida per le operazioni di microcredito (fino a 25.000 euro); prevedere una griglia di “sconti” legata alla maggiore o minore percentuale di incidenza degli impieghi micro e piccoli sul totale dei prestiti allocati. Infine, è stata approvata l’integrazione al Regolamento per le attività della pesca nelle acque interne pubbliche della provincia di Salerno, deliberato in data 26/05/2008 n. 21 del Consiglio provinciale. In particolare, è stato approvato il regolamento per l’esercizio della pesca nelle zone a regolamento specifico (ZRS) del fiume Sele in concessione all’Associazione Riqualificazione fiume Sele Onlus, tratto di fiume Sele, compreso tra la zona Ponte Oliveto Citra e la confluenza con il fiume Tanagro.

commenti
consigliati