Rettifilo, residenti denunciano degrado

Redazione
28 febbraio 2011 08:47

1640

CapaccioviaTogliatti

 

CAPACCIO. Degrado, strade colabrodo e microdiscariche che fanno bella mostra di se lungo le strade cittadine. A denunciare lo stato di abbandono della contrada Rettifilo – Vannulo sono i residenti, promotori di una petizione popolare protocollata al Comune, e per conoscenza  al Consorzio di bonifica sinistra Sele e al comando di polizia locale. Circa trecento le firme raccolte. Nel documento i residenti chiedono un intervento immediato e una maggiore attenzione per la contrada. Nel caso le istanze non fossero accolte si dicono pronti a procedere con una denuncia alla Procura.  "La nostra contrada ormai da anni si presenta in uno stato di degrado – denunciano i residenti – questo fenomeno è vergognoso. Un esempio per  tutti, via Togliatti, impraticabile. La strada  presenta diverse insidie nascoste, che possono procurare danni a persone e a cose. Stessa situazione per le altre vie comunali dove il manto stradale risulta sconnesso in più punti con dislivelli e pozzetti che fuoriescono dal livello stradale". Sotto accusa anche la pubblica illuminazione  non adeguata alle effettive esigenze.  "Tutte queste insidie – accusano i residenti - presenti sulle strade comunali della nostra borgata rappresentano dei veri pericoli per i pedoni, dato anche la scarsa visibilità nelle ore notturne, considerato che nella contrada sono residenti sia persone anziane che bambini. Inoltre, non esiste una canalizzazione per il convogliamento  delle acque piovane". I  residenti chiedono, a chi di competenza, anche  l’avvio di uno studio per l’elaborazione di un piano di viabilità adeguato all’incremento della contrada con l’istituzione di divieti e sensi unici.  I dissesti riguardano un po’ tutte le strade. In particolare, via Leonardo Da Vinci, dove i residenti denunciano la presenza di  diverse buche e dislivelli causati da lavori di allacciamenti fognari ed idrici; via Guglielmo Marconi, dove insiste anche un parco giochi lasciato al degrado con la presenza di erba e rifiuti vari; via Galileo Ferrarsi; via Pietro Nenni, con un manto stradale fatiscente con tombini che fuoriescono dal livello stradale; via Francesco Saverio Nitti, soggetta a fenomeni di allagamento nei giorni di pioggia che la rendono impraticabile; via Ugo La Malfa dove, oltre alle buche, sono presenti i pali della Telecom, alcuni dei quali sono in uno stato di degrado; via Alessandro Volta, anche qui manto dissestato e  tombini che fuoriescono dal livello stradale; via Enrico Fermi; via Alfred Bernhard Nobel, sulla strada sono stati eseguiti dei lavori di ammodernamento, ma solo parziali e ai lati della strada sono presenti cumuli di rifiuti. I disagi e disservizi lamentati all’interno della petizione popolare presentata al Comune sono stati ampiamente documentati con una serie di fotografie, che mostrano lo stato di degrado delle strade comunali della borgata “Rettifilo – Vannulo”. Un’altra richiesta, contenuta nel documento, è la rimozione della cabina della Telecom posizionata al centro dell’incrocio tra via Pertini e via Nobel. La cabina  a seguito di alcuni lavori di adeguamento e ampliamento del manto stradale, è rimasta posizionata al centro  della strada, ostacolando non poco il transito delle automobili, che si accingono a svoltare in ambedue le direzioni. Quello che preoccupa i cittadini è che possa verificarsi qualche grave incidente, considerato che il tratto di Rettifilo è già notoriamente a rischio e teatro di numerosi incidenti. La presenza della cabina non fa altro che aggravare ulteriormente la situazione.

 

CapaccioviaTogliatti2  CapaccioviaTogliatti3

 

CapaccioviaTogliatti4

 

 

  

 

commenti
consigliati