Gioi, celebrazioni per il 150° Anniversario dell'Unità d'Italia

Comunicato Stampa
14 marzo 2011 12:06

905

 

gioi_cilento

 

GIOI. Gioi si veste con il tricolore e festeggia i 150 anni dell’Unità d’Italia. Per il 17 marzo, doppio appuntamento organizzato dal Comune in collaborazione con l’Istituto Scolastico Omnicomprensivo, l’associazione culturale “Martiri Riccio”, la Pro Loco, le Parrocchie S. Eustachio e Nicola di Gioi e S. Giovanni Battista di Cardile, la Biblioteca “Enzo Infante”, il mensile “Buco1996-nei secoli a chi fedeli???”, gli Oratori di Gioi e Cardile, l’Azione Cattolica di Cardile e il Circolo Unione Stampa “Salernum”. Si inizia alle 9.30, alla frazione Cardile paese natio dei fratelli Riccio esponenti principali degli avvenimenti rivoluzionari del 1828 che hanno dato l’avvio alla fase risorgimentale e unitaria, con la cerimonia dell’alzabandiera a cura delle Forze Armate dinanzi alla delegazione comunale. Quindi ci si sposta in località Tranata dove c’è l’intitolazione del piazzale ai Fratelli Riccio e poi si va in località Quattro Venti per la deposizione di una corona sulla lapide che ricorda i Fratelli di Cardile. La mattinata si conclude nella sala comunale, in località Fusco, dove è stato programmato un convegno dal titolo 150° dall’Unità d’Italia. Testimonianze dal Cilento”; dopo i saluti del sindaco Andrea Salati, del parroco di Cardile don Angioletto Imbriaco e del dirigente scolastico Gennaro Di Marco, la parola passa agli interventi con Lucia Rizzo, don Guglielmo Manna vicario generale della diocesi di Vallo della Lucania, e Francesco Volpe professore emerito dell’Università di Salerno. Le testimonianze si incentrano invece su un’intervista immaginaria alla madre dei Fratelli Riccio letta da Virgilio D’Elia e su i Fratelli Capozzoli di Monteforte Cilento con una lettera scritta dall’ultima discendente diretta, residente a Pantelleria, Carole Bernardo. Il pomeriggio si cambia location e ci sposta a Gioi. Nel capoluogo, presso la chiesa di S.Eustachio, dalle 17.30 viene proiettato il film “Bagliori nell’alba” liberamente tratto dal libro “I Fratelli Riccio nel Risorgimento Italiano”. Prodotto dall’associazione culturale “Martiri Riccio” di Cardile, con la sceneggiatura di Maria Scarpa De Masellis Palazzo, le scene di Mario Romano, la regia di Maurizio Iacovazzo e con interpreti amatoriali delle due comunità di Gioi e Cardile. Prima del film è prevista un’introduzione a cura di Carmine Pinto docente dell’Università di Salerno. “Nei giorni scorsi – afferma il primo cittadino Andrea Salatiabbiamo distribuito a tutte le famiglie di Gioi e Cardile una bandierina tricolore da esporre ai balconi e alle finestre giovedì prossimo. Il simbolismo in questo caso è significativo perché vuole essere un segno di unità non solo nazionale, ma anche locale”.  

commenti
consigliati