OPERAZIONE 'PERSEO'

Pontecagnano, ex consigliere comunale Anastasio a processo

PONTECAGNANO. Antonio Anastasio sarà processato. Il gup stefano Berni Canani ha firmato, ieri, il decreto di rinvio a giudizio per l’ex consigliere comunale di minoranza di Pontecagnano Faiano, finito in carcere, lo scorso 22 febbraio, nell’ambito dell’operazione 'Perseo', eseguita dai carabinieri della Compagnia di Battipaglia, che hanno dato esecuzione a 16 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di reggenti, referenti di zona e affiliati del clan Pecoraro-Renna. Le accuse a carico dell’ex consigliere sono di violenza privata e attentato ai diritti politici, aggravati dal metodo mafioso. Anastasio (nella foto), era stato arrestato per collegamenti con la criminalità organizzata, peraltro sempre negati dal consigliere. Secondo l’ipotesi accusatoria Anastasio avrebbe  cercato di far cadere la giunta del sindaco Sica per andare a nuove elezioni appoggiandosi al clan locale che lo avrebbe voluto alla guida del Comune picentino. A supportare il quadro indiziario, ora ci sarebbero anche le dichiarazioni dell’ex boss Sabino Di Maio, che ha iniziato a collaborare con la giustizia e avrebbe riferito alcune confidenze ricevute dal politico durante la detenzione in carcere. Il processo prenderà il via il prossimo ottobre con il Comune che si è già costituito parte civile. Insieme ad Anastasio, al momento sottoposto a divieto di dimora in Campania, sono stati rinviati a giudizio altri otto imputati. Il 19 ottobre si discuteranno, invece, un patteggiamento e nove abbreviati che vedono imputate altre 10 persone coinvolte nell’inchiesta.

commenti