FIAMME ALTE

Capaccio, bruciano tutta la notte le colline al Capoluogo: caccia ai piromani

CAPACCIO PAESTUM. Brucia tutta la notte la collina di Capaccio Capoluogo. Devastati da grossi incendi decine di ettari di macchia mediterranea ed aree boscate (nella foto): quattro i focolai localizzati tra le località Cannito, Tempa di Lepre, Via Vecchia Cilentana e Gaiarda, in particolare a ridosso del ponte lungo Via Capaccio Paestum, la strada che dalla piana conduce al centro storico, dove le lingue di fuoco hanno lambito pericolosamente anche la carreggiata ed alcune abitazioni, costringendo i proprietari ad evacuarle a scopo precauzionale. Per domare le fiamme, visibili a chilometri di distanza anche dalla SS18, hanno lavorato fino all’alba i volontari del locale Nucleo di Protezione Civile, coordinati da Sergio Mancoletti e Tonino Merola, unitamente a diverse autobotti dei vigili del fuoco del distaccamento di Eboli, diretti dal caposquadra Matteo Memoli. Presenti anche gli agenti della polizia municipale, coordinati dal cap. Natale Carotenuto, giunti in loco con il sindaco, Franco Palumbo, che ha voluto accertarsi personalmente della situazione. Chiara la matrice dolosa dei roghi, innescati dai soliti ignoti piromani senza scrupoli su più fronti, con diversi focolai che, in molti casi, hanno distrutto uliveti, vigne, campi coltivati, orti e giardini. Non è la prima volta che, sulle colline capaccesi, vengono appicati incendi in estate, in particolare quest’anno da fine giugno.

commenti