SEGRETARIO PROVINCIALE PD

Politiche 2018, Luciano sull’aut aut di Alfieri: “È una carta vincente, ma nessuna candidatura è sicura”

SALERNO. “Se il Pd non mi candida, avrò difficoltà a chiedere voti per il partito anche a casa mia”: la chiara presa di posizione di Franco Alfieri, espressa senza remore su StileTV nel corso del format ‘Detto con Stile’, non ha lasciato scampo e parole semplici al Partito Democratico, i cui vertici dovranno ora fare i contri con l’aut aut lanciato dal capostaff di De Luca, che ha reso delicatissima la situazione nel partito in vista della sfida elettorale del 2018. Un ulteriore ‘no’ ad Alfieri sarebbe il sigillo che stronca, di netto, qualsiasi prospettiva di crescita politica dell’ex sindaco di Agropoli all’interno del partito, dopo aver portato voti pesantissimi ed essersi messo anche da parte quando “l’unica persona che poteva chiederlo”, De Luca, ha dovuto farlo. Il silenzio dei piani alti lascia allora spazio all’intervento telefonico in diretta di Enzo Luciano, segretario provinciale del Partito Democratico, proprio durante l’intervista di Alfieri su StileTV, che riportiamo integralmente: “Franco Alfieri è un’ottima risorsa ed un ottimo amministratore, lo ha dimostrato in passato come sindaco di Agropoli, da assessore provinciale, da componente della segreteria del Presidente, da capo dello staff e da consigliere delegato all’Agricoltura, Caccia e Pesca. Pertanto, averlo nella squadra del Partito Democratico non può non essere una carta vincente alle prossime elezioni politiche. Il fatto che Franco Alfieri abbia dato la propria disponibilità, non può che renderci soddisfatti immaginando di poter mettere in campo, alla prossima competizione, una squadra di amministratori seri, che portano un valore aggiunto al partito con la loro militanza e con le pratiche di buon governo che hanno accumulato, in questi anni, nei vari ruoli che hanno ricoperto”.
“Nomi sicuri non ce ne sono - ha ammesso Luciano - le stesse candidature saranno sottoposte al vaglio della direzione provinciale, dobbiamo selezionare i più bravi amministratori, tra quelli che effettivamente possono darci una marcia in più e quelli che, mettendo a disposizione la loro persona, per la prossima tornata elettorale, rinuncerebbero al ruolo che ricoprono attualmente per consentire al Partito Democratico di raccogliere un risultato importante in provincia di Salerno”.

commenti