Puc: Ragni, Longo e Vicidomini attaccano Forte

Redazione
10 febbraio 2010 11:40

1280

Forte_Francesco

 

Arriva la richiesta da parte del capogruppo della formazione “Vince il territorio” di Capaccio Paestum, Nicola Ragni, di prendere visione della relazione programmatica del Piano Urbanistico Comunale, possibile punto all’ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale. L’istanza, formalizzata per iscritto, è stata indirizzata all’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) ed al presidente del Consiglio comunale, prof. Paolo Paolino. “Il professore Forte ha consegnato nelle mani del sindaco, Pasquale Marino, la relazione programmatica del Puc. In maniera irrituale, a nostro avviso, visto che il professore avrebbe dovuto presentarla all’Ufficio protocollo del Comune. Per questo, chiediamo urgentemente la copia della relazione, in modo da arrivare preparati nel caso che il Puc sia uno degli argomenti della prossima assise civica”.

Il consigliere Ragni, insieme agli altri due componenti del gruppo consiliare “Vince il territorio”, Francesco Longo e Maria Vicidomini, ha chiesto, inoltre, attraverso un’altra missiva, spiegazioni circa un aumento del compenso a favore del prof. Forte, tecnico incaricato per la redazione dell’importante strumento urbanistico. “Dopo che la relazione programmatica era stata rispedita al mittente dal Consiglio comunale, visto che, secondo i consiglieri, non rispondeva agli indirizzi dati al responsabile del Puc - aggiunge Ragni - Forte ha interrotto la produzione degli atti. Il professore era inadempiente perché aveva portato una relazione differente rispetto agli indirizzi che gli erano stati dati. Il presidente del Consiglio comunale, Paolo Paolino, invitò anche il sindaco a revocare l’incarico a Forte, ma Marino rispose con una lettera addossando le responsabilità allo stesso professore. Dopo un periodo di silenzio, siamo venuti a sapere che gli era stato accordato un aumento del compenso. Non avendo ricevuto risposta a questa lettera, in cui chiedevamo una revoca della delibera che prevedeva l’accordo di tale aumento, abbiamo ritenuto opportuno informare la Corte dei Conti perché crediamo che quella fosse una spesa che il Comune non era tenuto ad assumersi”.

Una richiesta di visione degli atti del Puc arriva anche dal dirigente del locale circolo Pdl di Capaccio Paestum, Franco Sica: “È  un atto ufficiale di cui bisogna prendere visione e per questo abbiamo invitato i consiglieri del Pdl a chiedere una copia”.  

commenti
consigliati