ESAMI A NAPOLI

Coronavirus, nessun allarme: test negativo al ‘Cotugno’ per il salernitano

Redazione
11 febbraio 2020 12:51

572

SALERNO. Test negativo al ‘Cotugno’ di Napoli, l’ospedale regionale di riferimento dove è stata costituita l’apposita task force per i possibili casi di contagio in Campania, per il 42enne salernitano che ieri pomeriggio ha raggiunto il ‘Ruggi’ di Salerno con una leggera febbre ed uno stato influenzale e che, soprattutto, aveva dichiarato di essere di rientro, da tre giorni, dalla Cina, ma lontano dalla zona di Wuhan, dopo un periodo di circa due mesi trascorsi con la propria fidanzata.  I primi accertamenti, con l’esito negativo del tampone, sgonfiano i sospetti sul primo caso di Coronavirus a Salerno e provincia, con la psicosi a scoppiare nel pomeriggio di ieri quando il 42enne si è recato nel nosocomio di via San Leonardo, con i sanitari ad avviare il protocollo seguito in queste settimane, con il paziente condotto prima in una sala d’isolamento e con il successivo passaggio, a bordo dell’ambulanza sterile della locale Humanitas per il trasferimento a Napoli. Il salernitano è già stato sottoposto a controlli in Germania, nello scalo del viaggio in aereo dalla Cina. Ora le notizie che giungono dal ‘Cotugno’ e che tranquillizzano tutti, con gli esami che proseguiranno secondo prassi. "Le competenti autorità sanitarie comunicano che il paziente M è risultato negativo ai test Coronavirus". Questo il commento del sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli: "Il caso è stato gestito in maniera tempestiva ed adeguata secondo i protocolli stabiliti dalla Regione Campania in conformità con gli standard fissati da Governo e Protezione Civile.Il Comune di Salerno manifesta  apprezzamento per il lavoro del personale e la qualità delle strutture coinvolte.Raccomandiamo altresì di seguire con il massimo scrupolo le indicazioni delle autorità sanitarie, invitando i concittadini a dare credito unicamente alle informazioni ufficiali provenienti dalla comunità scientifica e dalle istituzioni per evitare psicosi ed allarmismi". 

commenti
consigliati