ACCUSA DEL CLUB AGRESE

Calcio giovanile, episodi di razzismo durante Sarnese-Sant'Agnello Promotion

Redazione
12 febbraio 2020 09:55

92

SARNO. Brutto episodio di razzismo a Sarno, durante la partita di calcio giovanile tra le Under 19 di Sarnese e Sant’Agnello Promotion, sfida al vertice del girone E del torneo regionale, giocata allo stadio “Squitieri”.

L’accusa arriva dalla dirigenza di casa, che accusa alcuni calciatori della squadra ospite di insulti ai danni del centrocampista Dampha Musa (nella foto), atleta originario del Gambia. Beccato per tutta la partita da un avversario, Musa, espulso per somma di ammonizioni, veniva ripetutamente insultato da calciatori del Sant’Agnello. Un episodio vergognoso che ha visto anche il disappunto di molti genitori presenti in tribuna. "E’ un atto vergognoso e incivile. Non è ammissibile che venga tollerato tutto questo. Faremo un esposto in Lega”, ha affermato Maria Adiletta, presidentessa della Sarnese, club di Promozione prossima avversaria della Calpazio in campionato. Utilizzato sia nella juniores che in prima squadra, Musa, classe 2001 originario del Gambia, arriva dal Mazara del Vallo, Eccellenza siciliana, dopo una storia di emigrazione dal suo paese di origine. 

“Ci teniamo a sottolineare la nostra più totale estraneità alle accuse. Siamo una società aperta, che promuove il calcio in tutte le sue forme, espressioni, ritenendolo il gioco più bello del mondo per cui sacrifichiamo il nostro tempo libero, maciniamo chilometri e incontriamo tanti amici sui campi di tutta la Campania. Nonostante tutto, mandiamo un forte abbraccio a Musa e lo invitiamo a venire da noi a Sant’Agnello per un saluto e un chiarimento tra amici”, questa la risposta, attraverso un comunicato, del Sant’Agnello Promotion.

commenti
consigliati