IL PROGETTO

Avis Giungano, rapporto di collaborazione con l'Università di Salerno

Comunicato Stampa
03 agosto 2020 10:52

1048

GIUNGANO. L' Avis comunale di Giungano, presieduta dal cav. Ennio Francia, ha da sempre lavorato sul territorio tenendo conto delle esigenze della gente. Oltre ad occuparsi di donazioni programmate di sangue e di screening (per fare in modo che i cilentani potessero sottoporsi a visite specialistiche gratuite), da ormai tre anni Avis Giungano attua progetti innovativi per le scuole, per parlare alle nuove generazioni di donazione attraverso il linguaggio informatico. Di tutto questo si occupa un ramo dell’associazione “L’AREA SCUOLA”, la cui referente, prof.ssa Ester Santomauro (membro del direttivo) ha messo a disposizione le sue competenze informatiche, adattandole allo scopo principe dell’associazione stessa. L’obiettivo del progetto PIXELAVIS che la sede comunale di Giungano, in provincia di Salerno, realizzerà nel 2020 è proprio avvicinare i giovani alla cultura del dono attraverso le attività innovative e coinvolgenti del coding. Così si vuole dare forza al lavoro collaborativo, al rispetto delle diverse idee, si favorisce l’inclusione e si combatte anche la dispersione scolastica. Ma soprattutto si vuole parlare ai giovani con un linguaggio a loro più consono, senza tediarli con lunghi e spesso arcinoti discorsi.  Avis Giungano Area Scuola sta lavorando per educare le nuove generazioni alla donazione del sangue e al volontariato con le attività nuove, colorate, inclusive e coinvolgenti della pixel art. Verranno realizzati disegni digitali sulla donazione, dopo aver studiato le componenti del sangue on line e su fogli di carta. Verranno codificate e decodificate immagini. Si parlerà di linguaggio informatico per bambini, di attività plugged ed unplugged, e di come il pensiero computazionale possa far crescere in modo sereno i nostri figli. Ma c’è dell’altro. Per concretizzare tutto ciò, l’Avis di Giungano ha stipulato un protocollo di intesa con il dipartimento di informatica dell'Università di Salerno. Il prof. Vittorio Scarano collaborerà con il suo fantastico staff di ISISLab con l’Avis di Giungano per rendere il progetto Pixel Avis qualcosa di unico ed innovativo.

Questo progetto verticale vedrà coinvolta l'istituzione scolastica dalla primaria fino all’Università. I bambini della scuola primaria saranno attratti da personaggi che rappresentano le componenti del sangue, creati ad hoc dall'equipe ISISLab del prof. Vittorio Scarano. Questi personaggi, simpatici e coloratissimi, si muoveranno su scacchiere virtuali e reali, daranno vita a storytelling (su piattaforma Scratch o dal vivo) sviluppando nei bambini fantasia, curiosità ed accettazione dell'altro e delle idee altrui. Senza alcuno sforzo, i bambini cominceranno a parlare ed usare il linguaggio informatico. Non saranno più succubi, ma attori consapevoli nel mondo del digitale perché si avvicineranno alle STEAM in modo naturale, come lo si fa a scuola con la lingua italiana, il linguaggio iconico o musicale. Le componenti del sangue e la donazione saranno tematiche sempre presenti, affrontate da ogni punto di vista e con i mezzi più vicini alle varie fasce di età. Pian piano si farà strada nei nostri giovani l'idea che donare il proprio sangue per il proprio ed il bene altrui faccia parte della normalità e che il donatore non sia un supereroe, ma un uomo comune che compie un gesto solidale e necessario alla comunità.

Il sangue non può essere riprodotto in laboratorio e, ad oggi, la donazione è l'unico mezzo per dare speranza ed aiuto a tanti malati. L'idea innovativa di questo progetto è proprio quella di collaborare con le istituzioni scolastiche, integrando i programmi didattici con attività interdisciplinari e trasversali che possano sviluppare nei giovani una mentalità più aperta all'inclusione, al rispetto dell'altro e delle idee altrui, all'altruismo e quindi alla donazione del sangue. PixelAvis rappresenta un modo unico e innovativo per parlare di donazione, senza dimenticare l’attitudine a risolvere problemi più o meno complessi. Le materie che verranno incluse nelle attività che proporremo saranno molteplici:  dall' informatica alle scienze, matematica, tecnologia, arte, madre lingua e lingua straniera, letteratura italiana e straniera, educazione civica e digitale… ma anche laterizzazione e sviluppo del senso dell'orientamento (per le primarie). Le attività proposte saranno sia di tipo tradizionale (con uso di carta e penna) sia di tipo tecnologico, ma comunque trasversali e applicabili a qualsiasi disciplina. Attraverso attività (costruzione di labirinti, percorsi, disegni, codici, pixel art, robotica...) essenzialmente giocose e graduate per fasce di età, gli alunni si avvicineranno al linguaggio della programmazione e al mondo della donazione in modo naturale e inizieranno ad affrontare i problemi scomponendoli in parti sempre più piccole, ponendo l’attenzione sul processo logico, seguendo procedure (algoritmi) create da loro stessi.

commenti
consigliati