Cicerale, incendio distrugge stabilimento Eripress: evacuati operai, danni per milioni di euro

Alfonso Stile
04 aprile 2012 11:51

9808

0

0

CICERALE. Un incendio di grosse proporzioni ha completamente distrutto, questa mattina, lo stabilimento di oltre 20mila mq della Eripress Srl, nota azienda specializzata nella produzione di componenti in plastica per elettrodomestici ed automobili su scala nazionale, sita nella zona industriale di Cicerale-Ogliastro Cilento. Il focolaio si è sviluppato verso le ore 9:45 a partire dal tetto, dove una ditta incaricata stava effettuando lavori d’impermeabilizzazione attraverso lo spargimento di catrame bollente, operazione complicata dalla presenza dell’impianto fotovoltaico di grande capacità installato sull’intera superficie superiore dell’edificio. Le fiamme sono divampate, incontrollabili, tra gli oltre 2400 pannelli, estendendosi rapidamente a tutto lo stabilimento. A dare l’allarme il responsabile della sicurezza del personale, cha ha evacuato i 60 operai impegnati in quel momento nella catena di assemblaggio: non si registrano feriti né intossicati. Sul posto sono tempestivamente giunti i vigili del fuoco del distaccamento di Eboli e Vallo della Lucania, i carabinieri della Compagnia di Agropoli, diretti dal cap. Raffaele Annichiarico, i volontari dell’Humanitas in ambulanza ed i vigili urbani di Agropoli, coordinati dal mag. Maurizio Crispino. Le operazioni di spegnimento sono tutt’ora in corso e dureranno diverse ore: la fitta coltre di fumo nero sprigionatasi dalla fabbrica, infatti, è visibile da diversi km di distanza, e dirigendosi verso i comuni limitrofi ha innescato preoccupazione tra residenti ed agricoltori per la possibile tossicità dei materiali bruciati. Alcuni plessi scolastici del comprensorio, tra cui il liceo "Piranesi" di Capaccio e le elementari di Agropoli in località Mattine, hanno vietato agli studenti di uscire dalle aule anticipando l'uscita. La Eripress, di proprietà dell’industriale di Frosinone, Maurizio Stirpe, è operativa nell’area industriale di Cicerale da oltre vent’anni: all’interno dello stabilimento di oltre 20mila mq (di cui la metà al coperto), attrezzature all’avanguardia del valore di milioni di euro, distrutte dall’incendio insieme a tutti i reparti scorte ed alle commesse pronte ad essere consegnate. Tra i principali clienti, anche Whirlpool Italia, Opel e Bmw. Di recente, la Eripress aveva adottato una drastica riduzione del personale, licenziando in tronco 25 operai, i quali, rimasti senza lavoro, hanno dato luogo a plateali manifestazioni di protesta, riportate dalla nostra emittente e dalla stampa locale. Ora, con la distruzione totale dello stabilimento a seguito dell’incendio di stamani, appare a rischio anche il futuro dei lavoratori rimasti in organico. I danni, infatti, ammontano a diversi milioni di euro.

Clicca sull'icona della telecamera per vedere il servizio del Tg Stile con le immagini dell'incendio.


commenti
consigliati