DELIBERA DI GIUNTA

Capaccio Paestum, evasione tributi: nominati tre funzionari alla riscossione

Alfonso Stile
25 settembre 2020 11:51

2167

CAPACCIO PAESTUM. Riscossione dei tributi comunali inevasi a Capaccio Paestum. Si perfeziona ulteriormente la capacità del Comune di stanare i furbetti delle imposte, snellendo e migliorando le procedure inerenti all’azione di recupero coattivo. Con apposita delibera (la n.469 del 17/9/2020, infatti, la Giunta comunale retta dal sindaco, Franco Alfieri, ha preso atto della nomina, a funzionari responsabili della riscossione, di tre dipendenti di ruolo dell’ente. Si tratta del funzionario apicale dell’Area I, il dott. Antonio Rinaldi; del tecnico istruttore Vincenzo Di Filippo e dell’agente di polizia municipale Alessandro Minniti, i quali hanno superato uno specifico corso di formazione per ottenere la qualifica.

Sono pochi i comuni, in Italia, ad avere questo tipo di figura: per espresso dettato normativo, esercita le funzioni demandate agli ufficiali della riscossione i quali, ai sensi del DPR 602/73, art. 49 comma 3, svolgono le funzioni demandate agli ufficiali giudiziari. Si crea, in tal modo, un’equivalenza normativa tra Ufficiale giudiziario, Ufficiale di riscossione e funzionario responsabile per la riscossione. Il riferimento originario è alle funzioni dell’ufficiale giudiziario, ma con le deroghe della procedura esattoriale. Si instaura, così, un’identità totale tra l’ufficiale e il funzionario della riscossione. In sintesi, sulla base dell’espresso richiamo contenuto nell’art. 49 del DPR 602/73 che assegna all’ufficiale di riscossione le funzioni esercitate dall’ufficiale giudiziario, il funzionario responsabile della riscossione è il soggetto per mezzo del quale il funzionario dell’ente responsabile dell’entrata compie l’esecuzione.

commenti
consigliati