CHIESTO INCONTRO A RFI E MIT

Unione Comuni Paestum Alto Cilento: "Alta Velocità includa nostro territorio"

Alfonso Stile
18 febbraio 2021 18:36

1351

CILENTO. Alta Velocità nella tratta Salerno-Reggio Calabria. Anche l’Unione dei Comuni Paestum-Alto Cilento, presieduta da Franco Alfieri, con apposita delibera di Giunta unionale chiede un confronto urgente con Ministero dei Trasporti, RFI e Regione Campania al fine di sollecitare la revisione del progetto. Dalle schede tecniche del progetto dell’importante infrastruttura, presentato di recente alla Commissione Ambiente e Trasporti della Camera dall’amministratore delegato di RFI, Vera Fioranti, nel ridurre i tempi di percorrenza da Roma al capoluogo calabro di circa 45 minuti, si evince l'esclusione di fatto di Paestum e del Cilento: la nuova linea andrebbe ad innestarsi, infatti, direttamente a monte del Vesuvio in direzione Napoli, bypassando l’attuale stazione di Salerno per realizzarne una nuova, per l’Alta Velocità, nei pressi di Fisciano o Baronissi.

Nella delibera si sottolinea, in particolare, che “il Cilento dispone di un inestimabile patrimonio culturale e naturalistico, rappresentando un grande attrattore turistico come dimostrato anche dalle stime 2020, che lo annoverano tra le mete più ricercate della Campania” e che proprio per tali ragioni “da alcuni anni i treni ad Alta Velocità hanno allungato le loro corse sul tratto ferroviario a sud di Salerno, nonostante questa linea non faccia parte della direttrice ferroviaria ad alta velocità che, in Campania, si ferma a Salerno, fornendo un importante servizio al territorio nei mesi estivi, migliorando i collegamenti dal centro-nord con alcuni dei punti strategici e mete turistiche rinomate del Cilento tra cui Capaccio Paestum, Agropoli, Vallo della Lucania, Palinuro, Camerota e Sapri”.

commenti
consigliati