DOPPIA FIRMA

Capaccio Paestum, siglata intesa per il gemellaggio con Rueil-Malmaison

Redazione
08 ottobre 2021 11:51

4064

CAPACCIO PAESTUM. Siglato ufficialmente il protocollo d'intesa che porterà al gemellaggio tra le città di Capaccio Paestum e Rueil-Malmaison. La doppia firma è avvenuta, questa mattina, presso la Biblioteca Erica in Piazza Santini: ad apporle i due sindaci, Franco Alfieri e Patrick Ollier, giunto nella città dei Templi a capo della delegazione transalpina. Presenti, per l'occasione, gli assessori Mariarosaria Picariello, Ettore Bellelli, Gianfranco Masiello e Fabio Scariati, insieme al cerimoniere Piero Cavallo. Sita nel dipartimento dell’Hauts-de-Seine, la città francese conta circa 80mila abitanti: il primo passo ufficiale fu compiuto, due anni fa, a seguito della visita in Francia degli assessori Ettore Bellelli e Gianfranco Masiello, i quali furono accolti con cordialità da Ollier, che è anche presidente della Métropole du Grand Paris, e dalla conterranea Enza Valletta, componente del Conseil Municipal e promotrice del patto di gemellaggio.

"Nel corso degli anni si è instaurato un rapporto con l’amministrazione comunale della cittadina francese, dove risiede una comunità di origini capaccesi che politicamente è anche rappresentata in Comune attraverso la consigliera Vincenza Valletta. Il gemellaggio, in quanto sintesi di culture e tradizioni diverse, è un arricchimento per le Comunità delle cittadine che si incontrano e si legano. Dal gemellaggio con Rueil-Malmaison Capaccio Paestum può trarre l’opportunità di accrescere la sua economia con scambi commerciali e con l’estensione del bacino turistico, e può avere anche l’occasione di interfacciarsi in maniera più diretta ad altre realtà europee" ha spiegato il primo cittadino Franco Alfieri.

Il primo cittadino Ollier e la compagna Michele Alliot-Marie, più volte ministro in Francia, trascorreranno quattro giorni a Capaccio Paestum, visitando le bellezze archeologiche, turistiche e culturali locali, degustando le eccellenze enogastronomiche del territorio.

commenti
consigliati