Giudiziaria
OPERAZIONE KOSSA
OPERAZIONE KOSSA
Capaccio Paestum, favoreggiamento alle 'ndrine: Bisantis assolto in Appello
Alfonso Stile
17 luglio 2024 19:17
Eye
  2138

CAPACCIO PAESTUM. Operazione ‘Kossa’ ai danni della ‘ndrangheta: nuova assoluzione “perché il fatto non sussiste” per l’avvocato Giuseppe Bisantis di Capaccio Paestum (nella foto in alto a sx), coinvolto suo malgrado nell’indagine della Dda di Catanzaro, coordinata dal procuratore distrettuale Nicola Gratteri (nella foto) e condotta dalla Polizia di Stato, scattata all’alba del 16 febbraio 2021. A sancirlo, con apposita sentenza, i giudici della prima sezione penale della Corte d’Appello di Catanzaro: difeso dall’avv. Fabrizio Corvino, Bisantis era accusato di favoreggiamento.

Sottoposto prima agli arresti domiciliari e poi all’obbligo di firma, era tornato in libertà a metà settembre 2021, a seguito di sentenza della Cassazione, che accolse il ricorso di Bisantis avverso la decisione del Riesame di confermare i domiciliari, evidenziando la mancanza di prove reali di collusione dello stesso con gli affari delle ‘ndrine.

A fine luglio del 2022, al termine del processo con rito abbreviato, i giudici del Tribunale di Catanzaro avevano assolto in primo grado Bisantis, dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa “per non aver commesso il fatto”, relativamente al primo capo d’imputazione. In merito al secondo capo d’imputazione, in cui era accusato di truffa in concorso, fu invece condannato ad 1 anno ed 8 mesi ed il reato derubricato in favoreggiamento senza alcuna aggravante. 

Oggi la sentenza d’Appello che, in riforma della sentenza di primo grado, lo ha assolto con formula piena anche dall’accusa di favoreggiamento, sancendo di fatto la totale estraneità dell’avvocato da tutti i fatti e reati a lui imputati.



Logo stiletvhd canale78
Immagine app 78
SCARICA
L’APP