Ucciso nella notte il sindaco di Pollica

Redazione
06 settembre 2010 05:53

1387

Angelo_Vassallo

 

Un efferato omicidio scuote la tranquillità del Cilento addensando ombre sulle infiltrazioni della malavita sul territorio. Il sindaco di Pollica-Acciaroli, Angelo Vassallo (nella foto), 57 anni, è stato ucciso nella notte a colpi di pistola. Secondo le prime ricostruzioni effettuate dai carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania, intervenuti sul posto, sarebbero state almeno 9 le revolverate esplose dai killer con una calibro 9 attraverso il finestrino aperto della sua auto, verso le ore 23 circa di ieri, nei confronti del primo cittadino del piccolo comune costiero cilentano, come rilevato dal sostituto procuratore di Vallo della Lucania, Alfredo Greco, che ha confermato il ritrovamento di 9 bossoli. Il cadavere trivellato di colpi di Vassallo è stato rinvenuto verso mezzanotte dal fratello, allertato dalla cognata (Angela Amendola, moglie del sindaco che non lo aveva visto rientrare a casa), nella sua Audi station wagon grigia parcheggiata, col freno a mano inserito, in una strada nei pressi dell'abitazione del primo cittadino. La moglie, in stato di shock, avrebbe fatto notare agli inquirenti che Vassallo avrebbe percorso un percorso insolito per tornare a casa, poco illuminato. Le prime indagini battono la pista della camorra, viste le modalità d’esecuzione dell’agguato, anche se non si escludono altre ipotesi.

Significativo il commento di Greco, procuratore di Vallo: Era una persona perbene, che metteva se stesso davanti all'illegalità. Negli ultimi tempi era preoccupato e mi teneva costantemente informato sugli sviluppi di alcune vicende. Era un uomo che si batteva contro l’illegalità ed era sempre in prima linea. Quando accadeva qualcosa di particolare sul suo territorio, me lo segnalava. Ci sono molte piste da seguire e per il momento non abbiamo un orientamento preciso sul possibile movente. Non sappiamo ancora neppure se abbia agito una o più persone. Si può pensare di tutto”.

Angelo Vassallo lascia la moglie e due figli impegnati, nel settore della ristorazione. Nato ad Acciaroli il 22 settembre del 1953, era stato eletto per la prima volta sindaco il 3 aprile del 2005, ricoprendo dal 2004 al 2009 anche il ruolo di consigliere della Provincia di Salerno (eletto con Dl). Era stato rieletto, pochi mesi, fa alla guida del comune noto per la dieta mediterranea e le bandiere blu: già sindaco uscente, si era presentato da solo con la lista “Insieme per Pollica”: il Tar della Campania, infatti, aveva, bocciato il ricorso presentato dall’altro candidato a sindaco, Marco Cortiglia, la cui lista era stata dichiarata nulla dalla Commissione elettorale poiché avendo un numero di candidati inferiore a quello previsto dalla legge.

 

commenti
consigliati