Sport
Con questo Napoli è lecito provarci...
Mimmo Stile
04 ottobre 2010 16:18
Eye
  7567

 

 

Una partita perfetta. E’ questa la sintesi della prestazione degli azzurri di Mazzarri nel match disputato ieri al San Paolo contro la Roma di Ranieri. Due a zero il risultato finale con le reti di Hamsik al 72’, e di Juan che ha deviato nella sua porta un tiro cross di Campagnaro all’83’. E dire che tutto il gruppo aveva riposato anche meno dei giallorossi. De Laurentiis ha proprio ragione: l’Europa League è più stancante e sicuramente meno ricompensata della Champions. Andrebbe rivisto qualcosa su questa competizione e fa bene il nostro tifoso numero uno a battersi a spada tratta contro Platini &co. Ma, nonostante ciò, gli azzurri domenica hanno davvero  fatto tutto bene.... anzi benissimo, a cominciare dalla difesa. Sembra impossibile che appena tre giorni prima della Roma, la difesa abbia barcollato paurosamente incassando tre gol in appena 16 minuti dallo Steaua. Eppure ieri abbiamo visto un’altra squadra in campo e Cannavaro è sicuramente il leader di questo reparto. Ieri, ad esempio, ne Borriello e né Vucinic l’hanno spuntata. E che dire di Aronica? Quel mancino con 32 primavere che corre e rincorre con la grinta e la tenacia di un ragazzino? Un valore aggiunto a questo gruppo, come De Sanctis, che ha fatto subito dimenticare gli erroracci di Bucarest. Vorremmo che fosse sempre cosi’, vorremmo che questa squadra venisse premiata per il bel gioco che mostra e per l’organizzazione tattica che sa applicare all’occorrenza: sia le rimonte che le vittorie sono da attribuire a tutti, Mazzarri compreso. Ma la stagione è ancora all’inizio e dopo sei partite non possiamo esaltarci: certo è, che in campo, stiamo ammirando sicuramente un altro Napoli. Più grintoso, più scattante, più concentrato e tatticamente più offensivo della scorsa stagione: basti pensare che a 6 giornate dall’inizio, i gol fatti sono già 12, attualmente il miglior attacco della serie A. Ciò sta a significare che il Napoli crea molto, ed Edinson Cavani, capocannoniere del torneo, sa sfruttare al meglio questo fattore. Non che Lavezzi non faccia nulla, anzi. Se col tempo questo ragazzo troverà anche la concentrazione giusta per la finalizzazione, dopo le serpentine ubriacanti contro i difensori avversari, diventerà uno dei migliori calciatori che abbiano mai giocato in Italia. Però, e permettetemelo, l’acquisto più grande che è stato centrato dal Napoli è sicuramente Andrea Dossena: da quando è entrato in forma, ci sta abituando a delle prestazioni esaltanti che , su quella fascia, aspettavamo da tanto tempo. Non è un caso se la maggior parte delle azioni che hanno generato i gol di questa stagione, siano partite proprio da li. Ebbene si, bastava davvero poco per fare il salto di qualità: Mazzarri lo sapeva, stava aspettando solo la forma migliore dei suoi. Nella partita di ieri, anche il nuovo acquisto Yebda s’è mostrato molto più concentrato e preciso. Magari le scelte fatte in estate stanno incominciando a dare i primi frutti, ma non abbandoniamo l’idea che per essere davvero competitivi, nei numerosi impegni che ci attendono, il Napoli avrebbe ancora bisogno di almeno due acquisti: un difensore ed un attaccante. Troppo affrettata fu la scelta di Cribari, troppo rischiosa quella di Lucarelli. Il baby Dumitru ha bisogno di fare ancora un po’ di esperienza: girarlo a gennaio non sarebbe una cattiva idea. Basterebbe soltanto un altro piccolo sacrificio da parte della società per stare attenti a non forzare troppo gli equilibri fisici dei singoli. Ma le premesse per una grande annata ci sono già tutte, e se il campo ci darà ancora ragione, allora possiamo liberamente affermare che con un Napoli cosi’ è lecito provarci. Forza ragazzi, siamo tutti con Voi.

MimmoStile per stiletv.it



Logo stiletvhd canale78
Immagine app 78
SCARICA
L’APP