Battipaglia, arrestato pregiudicato per tentata

Comunicato Stampa
25 ottobre 2010 06:50

994

 

Sabato scorso, a Battipaglia (Sa), i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia, diretti dal Ten. Gianluca Giglio, hanno dato esecuzione ad ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Salerno, ovvero hanno tratto in arresto il pregiudicato A. C., 58 anni, da Battipaglia, commerciante,  sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno e ritenuto vicino al clan camorristico MAIALE, operante nell’area a sud della provincia salernitana; e hanno sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G., C. M., 53 anni, residente a Battipaglia, commerciante, incensurata, moglie del’arrestato. Ad entrambi gli indagati viene contestato il reato di tentata estorsione.

Il provvedimento cautelare scaturisce dagli esiti di complessa e tempestiva attività investigativa, costantemente coordinata dalla Procura della Repubblica di Salerno, diretta dal Dr Franco Roberti, condotta dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia battipagliese ed avviata a seguito di dettagliata e coraggiosa denuncia sporta da un ristoratore circa la pretesa dei coniugi di ricevere il pagamento del canone (pari a 2.200 euro mensili), per la locazione di un ristorante sito nel centro di questa città, di loro proprietà ed oggetto di sequestro da parte del Tribunale di Salerno quale bene di provenienza illecita, e pertanto affidato in custodia ad amministratore giudiziario, al quale, la parte offesa, già regolarmente pagava il canone. In caso di mancata adesione alla richiesta estorsiva i due minacciavano la vittima di costringerlo ad abbandonare il locale. L’arrestato è stato tradotto presso il proprio domicilio per ivi rimanervi in regime degli arresti domiciliari.

commenti
consigliati