preoccupa anche livello d’acqua del Rio Ciorlitto
guarda il servizio

Maltempo a Capaccio: soliti disagi, frane ed allagamenti

Redazione
12 settembre 2014 12:26

3469

CAPACCIO PAESTUM. Il maltempo degli ultimi due giorni ha creato non pochi problemi nel comune di Capaccio Paestum. Questa mattina, si è verificato un movimento franoso in località Crispi, ai piedi dell’area collinare del Monte Calpazio, e in località Seude; due gli smottamenti verificatisi, invece, lungo la SP13, la strada che collega il Pietrale a Capaccio Capoluogo. Il violento acquazzone ha comportato disagi anche nelle contrade marittime della Laura e della Licinella, a Scigliati, a Borgonuovo e a Capaccio Capoluogo, dove i residenti invocano la pulizia dei canali di scolo intasati da erba alta che, ormai, copre la segnaletica e i guard-rail. Sotto accusa, in particolar modo in Viale delle Repubblica, in contrada Laura, e alla Licinella, la rete fognaria, che non è riuscita a sostenere il carico dell’acqua. Il sovraccarico ed il consequenziale scoppio dei tombini ha causato, infatti, la fuoriuscita dei reflui sulle carreggiate, poi opportunamente transennate, causando miasmi. Diverse le famiglie che, con secchi e scope, hanno dovuto spalare l’acqua dalle proprie abitazioni. A lavoro gli agenti della polizia locale e i volontari della Protezione civile. Nella contrada Gromola, invece, le copiose piogge hanno causato l’allagamento di numerosi campi ed appezzamenti di terreno, in questi giorni oggetto di semina per la colture invernali. A preoccupare anche il livello d’acqua del Rio Ciorlitto e Rio Campitello. Le zone maggiormente colpite nella contrada rurale sono state Voltata del Forno e Via Trentalone: diversi gli imprenditori agricoli colpiti dal maltempo, i quali rivendicano una maggiore pulizia dei canali di scolo dell’acqua piovana, che dovrebbe essere effettuata tra fine agosto ed inizio settembre. “Una storia si ripete, puntualmente, ogni anno - lamentano - siamo stanchi, tutte le aziende locali hanno problemi. Bisogna sollecitare i dirigenti dell’ente consortile pestano a far pulire prima i canali, ovvero quando il terreno è asciutto. Il sistema di canalizzazione di cui è dotato il Consorzio Sinistra Sele di Paestum è tra i migliori d’Europa, bisogna solo farlo funzionare adeguatamente e fare manutenzione e pulizia ai canali in anticipo e con costanza”.

commenti
consigliati