Attualità
Marcia per la pace ad Omignano dopo gli attentati esplosivi, c'è la pista politica
Redazione
05 gennaio 2010 13:46
Eye
  6113

1500 persone hanno partecipato alla marcia della pace per dire “no” agli episodi di violenza registrati tra il 24 e il 27 dicembre scorsi ad Omignano. Due macchine, infatti, sono state incendiate nel capoluogo, una per strada e l'altra in un garage. Il sindaco Emanuele Malatesta sgombra il campo da motivi politici: “Non ci sono elementi per denunciare un preciso responsabile”. Ma in paese si ipotizza che la pista da seguire sia quella politica. I due proprietari delle autovetture non sono facoltosi imprenditori o legati ad importanti affari: ciò che li accomuna è la vicinanza alla lista dello stesso ingegnere Malatesta che ha vinto le elezioni comunali del 6 e 7 giugno scorsi. La storia della cittadina è stata caratterizzata anche in passato da episodi violenti, che nulla hanno a che vedere con quelli dell'ultima tornata elettorale che vide contrapposti l'ex sindaco Pasquale De Marco ed Emanuele Malatesta. Il timore è che in queste vicende possa essere emulato un modello basato sulla minaccia e sulla intimidazione come avvenuto in occasione delle amministrative del 2004. Le indagini, coordinate dal capitano dei carabinieri Daniele Campa, sono ancora in corso.



Logo stiletvhd canale78
Immagine app 78
SCARICA
L’APP