Attualità
Foce Sele, abusi edilizi scoperti dalla Forestale
Redazione
30 gennaio 2010 17:53
Eye
  4945

sigilli_forestale

 

Sigilli ad un’area demaniale lungo la foce del fiume Sele su cui era stato edificato abusivamente un porticciolo. L’operazione è stata portata a segno dalla Forestale di Foce Sele, diretta dal comandante Marta Santoro. L’area posta sotto sequestro (poiché rientrante in una zona a vincolo paesaggistico ambientale, nel Parco regionale “Riserva naturale Foce Sele-Tanagro, nella zona “Sito di interesse comunitario” nonché in una zona di rispetto dei corsi d’acqua) si estendeva su una superficie di 20mila metri quadrati. Per gli illeciti accertati, A. C. è stato denunciato alla procura per violazione delle normative urbanistiche. Sull’area interessata al sequestro (concessa dal Genio civile per la realizzazione di un pontile) erano stati avviati i lavori di costruzioni di una struttura in legno, strade, area parcheggio, un pontile ed una piattaforma che hanno comportato il taglio di numerosi alberi di pioppo. I caschi verdi hanno accertato che erano stati avviati abusivamente, inoltre, altre opere edili (struttura in legno con annessi servizi igienici, spogliatoio, mensa, ufficio, stanza di riposo con porticato, su una superficie di quasi 100 metri quadrati; strade carrabili in pvc per la posa di manto erboso; area parcheggio con stesura di ghiaia; pontili sulla riva del fiume per l’attracco di barche; piattaforma costruita con travi portanti in legno piantati nel terreno).



Logo stiletvhd canale78
Immagine app 78
SCARICA
L’APP