PRIMO APPUNTAMENTO

Salerno, squadra di calcio dell'Ordine dei Medici torna in campo per la Coppa Italia

Comunicato Stampa
06 dicembre 2021 10:23

1029

SALERNO. Primo grande appuntamento nazionale per la squadra di calcio dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Salerno. La Scuola Medica Salernitana Calcio sarà infatti impegnata dall’8 al 12 Dicembre per la Coppa Italia, che si svolgerà presso i campi di calcio del Policlinico Gemelli e dell’Istituto Don Orione di Roma. Saranno 12 gli Ordini dei Medici che parteciperanno alla kermesse, giunta alla sua XXI edizione. I medici salernitani saranno protagonisti di tre sfide che li vedranno affrontare i colleghi di Palermo, Milano e Taranto con l’obiettivo di accedere alla semifinale e alla finale.

“Siamo felici di essere riusciti a costruire un bel gruppo. Stiamo crescendo di settimana in settimana e ormai contiamo su una squadra di quasi 40 colleghi entusiasti di partecipare al progetto - afferma Mario Passaro, medico presidente, che ha voluto fortemente la fondazione di quest’associazione calcistica.  Gli allenamenti sono diretti dal dottor Pasquale Melillo - attuale Consigliere dell’Ordine presieduto dal dottor Giovanni D’Angelo - figura d’esperienza, da anni impegnato in iniziative calcistiche amatoriali sul territorio. Ha seguito la squadra ad Avellino per l’Irpinia Cup il 20 e 21 Novembre e ora è pronto a guidare i salernitani anche nella prestigiosa trasferta di Roma.

“Non sarà facile, ma puntiamo a fare del nostro meglio. Il gruppo è motivato e orgoglioso di poter rappresentare l’Ordine di Salerno in una manifestazione di grande interesse come questa: proveremo a mettere in difficoltà squadre con molta più esperienza di noi” ha concluso Mario Passaro. I medici impegnati in Coppa saranno: Mario Passaro, Pietro De Luca, Kevin Episodio, Carmine Izzo, Francesco Fasolino, Alberto Colasante, Daniele Esposito, Riccardo Maurizi, Vincenzo De Sio, Donato Tesoniero, Claudio De Maio, Nicola Mercolino, Gigi Panico, Francesco Garofalo, Federico Tripodi, Ennio Sinno.

commenti
consigliati