NEL 2021

Parco Archeologico di Paestum-Velia secondo sito più visitato in Campania

Redazione
08 gennaio 2022 10:14

2067

CAPACCIO PAESTUM. Boom di visitatori per il Parco Archeologico di Paestum-Velia nel 2021 nonostante la pandemia: con un’affluenza di 216.455 visitatori, infatti, è il secondo sito archeologico-culturale più visitato in Campania, dopo gli scavi di Pompei, grazie anche ad un’offerta a misura di famiglie a seguito della creazione del Parco dei Piccoli, area giochi a tema destinato proprio ai bambini, oltre ad un apposito percorso riservato ai diversamente abili. Efficiente anche il sistema di controlli inerenti il rispetto delle restrizioni anti Covid: nella sola giornata del 2 gennaio scorso, in particolare, registrati oltre 1200 ingressi.

Bene anche gli abbonamenti annuali, oltre 400 nel 2021, con la promozione che consentirà, fino al 31 gennaio prossimo, di acquistare la tessera “Paestum&Velia” al prezzo speciale di soli 10 euro: si attiva al primo ingresso e prevede ingressi illimitati.

Sono 10mila, intanto, gli utenti che, durante le decorse festività natalizie, hanno scaricato l’app Paestum, l’applicazione gratuita ufficiale del Parco che offre agli utenti un nuovo modo di conoscere la storia e il patrimonio del sito, ideata con l’obiettivo di migliorare la fruizione dei beni culturali seguendo i principi dell’accessibilità universale. 

Nata due anni fa sotto la direzione di Gabriel Zuchtriegel, l’app è disponibile in 7 lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo e cinese) e in LIS, il linguaggio italiano dei segni. Scaricabile gratuitamente su Apple Store e Android, è stata realizzata da ECCOM in collaborazione con VISIVALAB e con l’Istituto Statale per sordi. A scrivere i testi archeologi, architetti e assistenti alla fruizione insieme a professionisti esterni con anche il contributo e il sostegno di Archeostorie. Complessivamente 37mila i visitatori italiani che hanno scaricato l’App Paestum; 1600 i tedeschi, oltre mille i francesi, a seguire inglesi e americani.

Questo nuovo strumento di fruizione consente di visitare virtualmente l’area archeologica e il museo di Paestum personalizzando il percorso in base alla durata, con due opzioni da 60 oppure 90 minuti. Una volta stabilito il tempo da dedicare alla visita, è possibile selezionare vari argomenti: architettura, miti e riti, vita quotidiana, Paestum greca e lucana, Paestum romana. Cinque i percorsi tematici con più di 60 monumenti, 200 immagini e 20 video che arricchiscono una mappa geo localizzata sulla quale l’utente può scegliere i vari punti di interesse, ognuno dei quali con una scheda dedicata. Una tecnologia che consente anche di moderare i flussi dei visitatori per una visita in sicurezza. Il visitatore può, in questo modo, dare vita ad un viaggio unico e personale. “La nostra app offre - spiega Francesco Uliano Scelza, archeologo del Parco - la possibilità di scoprire non solo gli elementi monumentali di Paestum, ma anche gli aspetti della vita quotidiana della città e delle persone che la abitavano, attraverso una narrazione fatta di storie, suoni, profumi che permettono di entrare in contatto con i diversi momenti storici di cui è stata protagonista”. 

commenti
consigliati