PRIMO ROUND AL COMUNE

Agropoli, cineteatro "De Filippo": Tar rigetta ricorso ex società di gestione

Alfonso Stile
13 gennaio 2022 17:41

1634

AGROPOLI. Gestione del cineteatro “De Filippo” di Agropoli. Con apposita ordinanza, il Tar di Salerno ha rigettato il ricorso presentato dalla società A.S.G.A. srl richiedente l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, della nota del 26 aprile 2021, a firma del Responsabile dell’Area IV, con la quale il Comune cilentano aveva negato la richiesta di proroga gestionale della struttura pubblica avanzata dalla ricorrente. 

La A.S.G.A., società che per 6 anni ha gestito il “De Filippo”, aveva chiesto all’ente civico la suddetta proroga della concessione, poi scaduta il 28/02/2021, sostenendo di aver diritto ad un’estensione tra gli 8 e 12 mesi della gestione a seguito dei provvedimenti di chiusura imposti dal Governo a causa della pandemia da Covid-19, che di fatto ne avevano impedito l’utilizzo.

Il Comune retto dal sindaco Adamo Coppola, difeso dall’avv. Luigi Acerbo, ha però negato la proroga della concessione, eccependone l’insussistenza in quanto sostanzialmente non prevista per simili strutture: con una lunga ed articolata memoria, infatti, il legale confutò punto per punto le ragioni poste dalla A.S.G.A. alla base della richiesta. Il cineteatro è così tornato nella piena disponibilità dell’ente, passando ad una gestione in house con la collaborazione e consulenza di professionisti del cinema, del teatro, dello spettacolo e della musica per meglio articolarne il tabellone degli appuntamenti e la fruizione.

Preso atto del diniego, però, la società ha subito presentato ricorso al Tar, proponendo anche l’azione cautelare della sospensiva degli atti impugnati, tendente a riottenere immediatamente la disponibilità della struttura, adducendo anche un potenziale pregiudizio patrimoniale, derivante dagli atti impugnati, ad attrezzature, impianti e beni mobili di proprietà della A.S.G.A. il cui valore “potrebbe essere svilito o compromesso”.

Ma i giudici della I Sezione (presidente Leonardo Pasanisi, referendari Pierangelo Sorrentino e Anna Saporito) con apposita ordinanza odierna, hanno rigettato in toto il ricorso, non ravvisando il requisito del “periculum in mora” necessario per la concessione dell’invocata tutela cautelare, anche “in considerazione della generica prospettazione fornita al proposito” nel ricorso. 

Il cineteatro "Eduardo De Filippo", quindi, resterà nella piena disponibilità del Comune di Agropoli, che in attesa del giudizio di merito continuerà a gestirlo autonomamente. "Ci aspettavamo questa decisione del Tar che conferma il buon operato degli uffici comunali - commenta il sindaco Coppola - non amo i conflitti, sono sempre pronto al dialogo e le porte di quest'amministrazione resteranno sempre aperte ad ogni confronto. Ringrazio l'avvocato Acerbo per aver preso a cuore la questione; ora proseguiamo nella gestione in house del nostro cineteatro. Stiamo già lavorando ad un regolamento che disciplinerà le modalità di utilizzo della struttura, in modo di dare l’opportunità a tutti di poterne usufruire".

commenti
consigliati