CONTROLLI DEI FORESTALI

Ceraso, brucia sterpaglie e causa vasto incendio: denunciata dai carabinieri

Comunicato Stampa
31 agosto 2022 14:17

780

CERASO. I carabinieri forestali della stazione Parco di Vallo della Lucania, nell’ambito delle attività di prevenzione e grazie ad un ottimo e capillare lavoro d’indagine, hanno individuato il responsabile dell’incendio del 18 agosto scorso, che ha interessato un’area di circa 1.000 mq, costituita da specie di bassa macchia mediterranea nel comune di Ceraso, alla località Iardino, frazione San Biase. Il rogo, che ha visto il pronto intervento dei carabinieri forestali e dei vigili del fuoco, è stato causato dall’incauto abbruciamento di residui vegetali perpetrato, su fondo di sua proprietà, da parte di una donna, la quale è stata deferita all’autorità giudiziaria competente per incendio boschivo colposo (art. 423 bis comma 2 e 3 del codice penale).

L’attività d’indagine, nell’ambito dei servizi d’istituto demandati dall’arma dei carabinieri ed, in particolare, nel rispetto della legislazione in materia ambientale, è stata esperita dalla Stazione dell’Arma vallese, diretta dal comandante mar.ord. Domenico Infante. I militari operanti, per risalire al colpevole, hanno tra l’altro proceduto ad eseguire specifici accertamenti tecnici rientranti nell’applicazione di metodi scientifici di cui si avvale il reparto forestale dei carabinieri. L’operazione, grazie anche all’incessante e capillare servizio di controllo del territorio, inerente il rispetto della normativa ambientale, evidenzia l’impegno dei carabinieri forestali in un delicato settore, quello degli incendi, perpetrati all’interno dell’area parco, al fine di scongiurare veri e propri scempi ambientali. Si ricorda che le operazioni di abbruciamento di residui vegetali prodotti sui fondi agricoli non sono possibili in questo periodo dichiarato di grave pericolosità per gli incendi boschivi.

commenti
consigliati