GIRONE 4

Pallanuoto, Circolo Nautico Salerno ai nastri di partenza del torneo di serie B

Comunicato Stampa
01 dicembre 2022 12:34

285

SALERNO. Sabato 3 dicembre inizia il campionato nazionale di serie B che vedrà il Circolo Nautico Salerno impegnato nel difficile girone 4 con ben 6 squadre siciliane, la favorita Auditore Crotone e le altre due campane la neopromossa Waterpolo Napoli Lions e la Rari Nantes Arechi. La compagine del CNS, guidata anche quest’anno dall’esperto Mario Grieco coadiuvato dal suo vice oltre che direttore tecnico Peppe Fasano, è stata parzialmente rinnovata ma molto ringiovanita in tutti i reparti che conferma la volontà della società di puntare sui giovani per consolidare un progetto di crescita nel medio-lungo termine. Confermati i due fratelli Esposito Carmine e Gianluca a cui si affianca l’esperto Giuliano Spatuzzo che lo scorso anno ha disputato il campionato di serie A1 con la Rari Nantes Salerno, 

Nel ruolo di centravanti ad affiancare Gianluca Esposito il giovane e forte Simone Cucciniello classe 2004 che dovrà confermare quanto di buono ha fatto vedere la scorsa stagione. Attaccanti confermati i giovani e talentuosi Francesco Costa e il mancino Lorenzo Fileno entrambi classe 2004 anche loro reduci da una positiva stagione che ha confermato le loro qualità tecniche, a loro supporto il neo acquisto Andrea Falcone che la scorsa stagione ha disputato un ottimo campionato con la San Mauro Nuoto , il confermatissimo Antonio Di Somma giocatore in possesso di doti tecniche eccellenti e capace di ricoprire più ruoli, il giovane e promettente Francesco Luongo classe 2005 al suo esordio nella serie cadetta dotato di un ottimo nuoto e di un eccellente tiro. Coppia di difensori gli esperti Valerio Santoro e Ugo Piccolo che agiranno anche da attaccanti in quanto dotati di ottimo tiro. A difendere i pali e guidare la difesa il ritorno dell’esperto Rosario Ferrigno, primo e indispensabile arrivo della stagione che ricopre nella società anche il ruolo di tecnico delle giovanili con al suo fianco i giovani e promettenti Francesco De Stefano classe 2004 e Pierpaolo Giarletta classe 2005. A puntellare il roster e a mettere il fiato sul collo ai loro compagni più grandi saranno i giovanissimi: Ettore Pignataro mancino e Federico Marcellino centravanti entrambi classe 2006, Alessio Ferri attaccante classe 2004 e Davide Gallo difensore classe 2005.I salernitani, cari al Presidente Paolo Giarletta, sono pronti a vivere un campionato da protagonisti con l’obiettivo dichiarato di rientrare almeno nei Play Off promozione. Primo avversario della stagione 2022/23 è l’UNIME Messina, padrone di casa nella piscina del C.U.S., che si affronterà non in perfetta forma per le enormi difficoltà di allenamento riscontrate dalla squadra nelle ultime tre settimane per la chiusura improvvisa della piscina comunale S. Vitale per motivi igienico sanitari e nell’ultima settimana per problemi alla caldaia, che ha costretto la squadra ad allenarsi in modo alternato in vasche da 25 metri e con difficoltà a svolgere degli allenamenti tecnici con il pallone.

Fiducioso il neocapitano Carmine Esposito, già guida e leader di una squadra con una età media molto bassa: “Quest’anno affrontiamo il campionato con molto entusiasmo e ottimismo consapevoli delle nostre forze e qualità. La presenza di tanti giovani talentuosi e con grande fame di affermazione rappresenterà l’arma in più di questa squadra consapevole di affrontare un girone difficile composta da squadre esperte e con roster importanti. L’inizio sarà difficile perché arriviamo non totalmente allenati per le noti difficoltà riscontrate nelle ultime settimane per la chiusura della piscina S. Vitale che ci ha costretti a numerosi stop ed allenamenti in vasca corta.”

Queste le parole del tecnico Mario Grieco: “Finalmente ci siamo, inizia una nuova stagione, ricca di novità e di aspettative: siamo un gruppo estremamente giovane, con un’età media di 21 anni. Tutti abbiamo grande curiosità nel capire a che punto siamo e quale possa essere il nostro livello tecnico. Sono sicuro che durante la stagione potremo crescere molto, così come di certo all’inizio incontreremo delle difficoltà considerate i problemi delle ultime settimane per la chiusura della piscina comunale che ci ha visto costretti ad allenarci in modo discontinuo e in vasca corta. Abbiamo le carte in regola per posizionarci nella parte superiore della classifica. Sappiamo di essere un gruppo giovane, ma siamo tutti convinti di poter fare bene. Sabato abbiamo un debutto in un campo difficile, non ci possiamo permettere assolutamente di sottovalutare nessuno. Dobbiamo imporre il nostro ritmo alla partita: siamo una squadra tecnicamente valida anche se con molti giovani, ma possiamo sfruttare a nostro vantaggio anche l’età e il loro entusiasmo.” Ottimista il presidente Paolo Giarletta, anche se non nasconde la sua grande amarezza per quanto sta accadendo a Salerno con la chiusura della piscina comunale:

"Iniziamo carichi e motivati quest’altra stagione, il clima è davvero positivo, lo spirito è quello giusto e l’approccio agli allenamenti in questi mesi di preparazione ci ha molto soddisfatti. Io per primo ho davvero tanta curiosità nello scoprire questa squadra molto giovane ma composta da giocatori talentuosi e di grandi prospettive, dove può arrivare. Il grande rammarico oltre che amarezza viene dalle enormi difficoltà che stiamo riscontrando nelle ultime 3 settimane per la grave chiusura dell’impianto comunale S. Vitale, che ci ha costretti ad allenarci male ed in grossa emergenza dovendo affrontare mille problemi per gli orari e la logistica dovendoci spostare in piscine della provincia e chiedere ospitalità ad altre squadre. Quanto sta accadendo qui a Salerno è un fatto gravissimo e ha dell’assurdo perché privare la città e a noi società dell’unico impianto esistente vanifica gli enormi sacrifici economici e tecnici sostenuti in questi anni creando le gravi premesse per la scomparsa della pallanuoto a Salerno. Spero a questo punto che tra noi società si possa trovare un’intesa e condivisione di obiettivi per proporre delle soluzioni di gestione diretta dell’impianto per superare le ataviche ed evidenti difficoltà dell’amministrazione comunale”.

commenti
consigliati