Giudiziaria
INCASTRATO DALLA GDF
INCASTRATO DALLA GDF
Nocera Inferiore, intasca interessi con mandato fasullo: curatore fallimentare nei guai
Comunicato Stampa
28 giugno 2023 08:52
Eye
  2578

NOCERA INFERIORE. Nel rispetto della presunzione di innocenza e fermo restando che eventuali giudizi di responsabilità potranno derivare solo da pronunciamenti irrevocabili, nella mattinata odierna la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha dato esecuzione ad un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale e reale, emessa dal G.I.P. presso il locale Tribunale, su conforme richiesta della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, nei confronti di un commercialista nocerino, G.D., indagato, a vario titolo, per truffa, falsità ideologica e materiale commessa dal Pubblico Ufficiale su atti di fede privilegiata e per interesse privato del curatore negli atti del fallimento.

In particolare, le attività investigative, condotte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Salerno, hanno permesso di accertare che il professionista, approfittando della propria posizione di curatore fallimentare, dopo aver realizzato, in assenza di qualsivoglia autorizzazione del comitato dei creditori e del Giudice Delegato, un'operazione di investimento dell'importo di euro 3.000.000, vincolando liquidità dell'attivo fallimentare, distraeva gli interessi generati dall'operazione speculativa, pari ad oltre 13mila euro, trasferendone l'importo su un rapporto di conto corrente personale, radicato presso un istituto bancario di diritto estero.

Tale operazione, secondo l'impostazione accusatoria, allo stato condivisa dal Giudice per le Indagini Preliminari, sarebbe stata realizzata attraverso il confezionamento di un falso mandato di pagamento in favore del professionista, recante un fittizio logo della Repubblica e la contraffazione della attestazione grafica della firma digitale del Giudice Delegato. Contestualmente, al fine di occultare tali operazioni illecite, l'indagato ometteva di procedere alle prescritte registrazioni nella contabilità della fallita, addebitando sui conti di quest'ultima i costi sostenuti per la realizzazione della contestata operazione speculativa.

Sulla base di tale impianto accusatorio, è stata eseguita un'ordinanza applicativa della misura interdittiva del divieto di esercitare la professione di commercialista, di revisore dei conti, di amministratore di società di persone e di capitale, di sindaco di società per la durata di 12 mesi nonché il sequestro preventivo della somma di circa 18.000 euro. L'eseguita attività testimonia il costante impegno profuso da questa Procura della Repubblica e dalla Guardia di Finanza a tutela dei cittadini e degli imprenditori, affinché sia sempre garantito il controllo di legalità nella Pubblica Amministrazione e nell'Amministrazione della Giustizia, anche in ordine agli incarichi affidati ai privati quali ausiliari del Giudice o comunque quali organi delle procedure concorsuali. 



Logo stiletvhd canale80
Immagine app
SCARICA
L’APP