Giudiziaria
NUOVA DETERMINA
NUOVA DETERMINA
Agropoli, scandalo multe si allarga: altre 4mila mai spedite, danno erariale di 713mila euro
Alfonso Stile
28 luglio 2023 15:10
Eye
  5975

AGROPOLI. Assume i contorni di un vero e proprio scandalo la gestione dei verbali per infrazioni al Codice della Strada elevati dalla Polizia Municipale di Agropoli. Dal sistema informatico del Comando, infatti, sono spuntate fuori altre 3.657 multe mai processate e notificate ai trasgressori nei termini di legge, ovvero non pagate e non più ascrivibili a ruolo e recuperabili, per un ‘buco’ nei conti comunali di 713.122 euro. A certificarlo, nero su bianco, è un’altra determina a firma dell’attuale comandante, Antonio Rinaldi, pubblicata sull’Albo Pretorio ed anch’essa richiamante i procedimenti della magistratura penale e contabile in corso. 

Dunque, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 4 ottobre 2022, alle 6.041 multe annullate o archiviate senza apparente motivo in appena 33 mesi, che hanno causato un ammanco di quasi 1.3 milioni di euro alle casse comunali, vanno a sommarsi anche quelle mai spedite, non si sa perché, dai vigili urbani: ammontano quindi a 9.698 le sanzioni finite sotto la lente d’ingrandimento della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania e della Procura generale della Corte dei Conti, che da almeno 4 mesi indagano su una vicenda che, atti pubblici alla mano, ha assunto proporzioni gigantesche ed alquanto oscure.

Da capire, a questo punto, quali potrebbero essere gli eventuali reati riscontrabili e contestabili dagli inquirenti: se per le oltre 6mila sanzioni la cui procedura di annullamento o archiviazione è risultata viziata si profila l’abuso d’ufficio, per i quasi 4mila verbali mai notificati si delinea anche l’omissione di atti d’ufficio ma soprattutto un danno erariale conclamato alle casse dell’ente civico.

Siamo chiaramente nel novero delle mere ipotesi, visto che le indagini sono in corso e coperte da segreto istruttorio: intanto, però, il Comune è corso già ai ripari attivando la riscossione coattiva di 1.3 milioni di euro, somma tra l’altro iscritta a bilancio tra i potenziali crediti vantati dall’ente. Per recuperare gli altri 713mila euro come detto, invece, non c'è più nulla da fare.



Logo stiletvhd canale80
Immagine app
SCARICA
L’APP